sei in OcchiAperti.Net > Benvenuti nella nuova sezione Cinema! > Archivio Recensioni > Freddy Vs Jason
Freddy Vs Jason
Le strade dei due miti Horror si incrociano in un film poco coraggioso
Chi è il più forte?
CATEGORIA: Flatline

Mi chiamo Freddy e momentaneamente mi trovo all’inferno. Per un mito cinematografico la dannazione non può che essere costituita dall’oblio. E quindi eccomi qua, dimenticato dai miei cari adolescenti, che ora dormono sonni tranquilli.
Devo trovare al più presto qualcuno da spedire in Elm Street, qualcuno in grado di replicare le mie gesta...Ah, vedo avvicinarsi un tizio enorme con una maschera da Hockey!


Sono anni che si parla di questo film: il "crossover" tra le due serie slasher più popolari negli anni ’80 e ’90.
Ricordiamo che Freddy Krueger è il "boogyman" causa degli spaventi di "Nightmare", così come Jason lo era per "Venerdì 13".
Lasciando correre la nostalgia, dobbiamo constatare che in seguito il cinema Horror non è quasi più riuscito a creare nuovi "mostri seriali" all’altezza del carisma di Freddy a Jason. Il prototipo, tuttora attivo, l’aveva generato Carpenter con il Michael Myers di "Halloween", e il futuro probabilmente si chiama Samara (o Sadako), da "The Ring".
Come dicevamo, i due principi del teen-horror dei tempi andati hanno potuto proseguire praticamente indisturbati, per oligopolio, le loro serie arrivando ad una quantità di sequel sbalorditiva.
Ecco quindi che questo film può essere visto come "Nightmare 8" o "Venerdì 13 - 11".
Se state pensando "Ma che ca**o sta dicendo questo qui?" non ha senso continuare a leggere, ve lo assicuro...

Eccoci dunque al commento.
Alcuni di voi, venendo a conoscenza del progetto, avranno pensato che l’opposizione del titolo già di per sé valga il biglietto. Altri, leggendo il nome del regista, avranno pensato ad una salutare ventata di ironia che, in fondo, e l’unica carta che resta a entrambe le serie da un po’ di tempo a questa parte...
Insomma alcuni potrebbero essersi spinti fino ad una tiepida aspettativa(dichiarata), che in realtà nasconde un desiderio dilaniante di vedere il film.
Alcuni, ne sono certo, in tutto questo tempo il film lo hanno scritto, girato e montato nella loro testa...ed era davvero un gran bel film!

Ecco perché "Freddy VS Jason" è una delusione colossale (ehm...intendevo "per coloro le cui aspettative erano schizzate in alto come descritto sopra").
Lo si capisce dai primi 10 minuti, in cui Freddy fa un inutile riassunto della sua storia. Le immagini montate sono prese dai film precedenti, la sensazione del barile è quella di venire raschiato con violenza nelle parti basse.
Qualche brivido corre sulla schiena quando viene suggerito che Freddy è ormai un "babau" dimenticato, una specie di rockstar fallita (non che Jason ultimamente se la passi meglio), e quasi si rivolge a noi spettatori per venire resuscitato.
Ma il brivido nostalgico passa presto, visto che i due si limitano a riproporre sequenze in tutto e per tutto identiche a quelle che li hanno resi celebri.
La sceneggiatura imbastisce qualche colpo di scena rimettendo in gioco alcuni sopravvissuti del primo capitolo di "Nightmare" e approfondendo leggermente la figura di Jason. Ma è il registro scelto ad affossare totalmente il film: la solita formula che ormai sembra solo stanca e ripetitiva, con meno tracce di ironia di quanto ci si possa aspettare, per altro giocata molto male (non che da Jason ci si aspettasse fine umorismo, ma Freddy è decisamente sotto tono).
Sprecato il regista Ronny Yu (il classico fantasy di Hong Kong "The bride with white hair" e, trasferito negli Stati Uniti, "La sposa di Chucky"), che comunque non da qui il suo meglio, visto che lo scontro tanto invocato, quando arriva (troppo tardi), delude per quanto poco è spettacolare.
Tutte le loro schermaglie poi sono pervase da un "politically correct" demoralizzante, certo dovuto al fatto che ci troviamo contemporaneamente "in casa" di entrambi.

Insomma, come spesso mi capita in una recensione, ho finito per dare i numeri.
Costo: 25 Milioni di dollari (quasi un film a basso budget per gli standard americani)
Incassati in 1 mese solo negli Stati Uniti: 78 milioni di dollari

Un affare! Speriamo l’ultimo...

testo alternativo





visite: 18034
gli ultimi contributi
le ultime della redazione cinema
documento conforme agli standard XHTMLDocumento conforme agli standard css