RECENSIONI \ like glue..like Sean Paul

una jamaicano a Manhattan

di Ilaria
home oa > Musica > Recensioni > like glue..like Sean Paul

Sorriso accattivante, ora corretto da un poco visibile apparecchio per i denti, movenze sinuose, voce roca e reggaeggiante..questo è Sean Paul creatore dell’ormai consumata Get Busy.
Proviene dalla patria della musica reggae, la Jamaica, che gli ha reso l’onore di essere uno dei pochi jamaicani presenti per settimane alla prima posizione, delle classifiche più autorevoli d’america, facendo precipitare 50 Cent, con In da club, alla seconda posizione (detentore per numerose settimane della pole position). Billboard (nota rivista musicale americana) non ha esitato a stilare un piccolo elenco di nomi, che prima di Sean Paul, hanno scalato simili traguardi. Tra gli artisti Ini Kamoze (here come the hot stepper 1994), Carl Douglas (Kung Fu fighting 1974) Maxi Priest (close to you 1990) e Shaggy (it’wasn’t me e Angel 2001). Mi sorge spontaneo, per ignoranza probabilmente, chiedermi come mai non sia stato menzionato Bob Marley.
Fusioni hip hop, reggae e raggamuffin, fanno da ingredienti principali al suo inconfondibile stile, che lo ha reso noto in tutto il mondo. Da pochi giorni è partito il suo tour mondiale, che ha fatto tappa anche in Italia, a Milano, portando un po’ di calore con la sua sonorità. Diversi sono stati i commenti al suo show case. Personalmente l’ho visto in un’esibizione live in televisione, a “Quelli che il calcio”, e sono rimasta al quanto delusa dalla performance. Voce quasi inesistente ed affaticata, supportata da due big boy, che non posso definire “spalla”, ma bensì colonna portante dell’esibizione. Delusione per i fan presenti al concerto, è stata la brevità dello spettacolo, durato appena un’ora, dovuta al fatto che, avendo un solo album all’attivo, non ci sia stato alcun modo di prolungare oltre.
Sean Paul è un nuovo fenomeno del panorama musicale mondiale, ha vinto in un sol colpo il disco d’oro per l’album Dutty Rock e il disco di platino per il secondo singolo estratto Get Busy.
Tanti i featuring a cui ha partecipato attivamente, tra cui Grinding con i Clipse, Breathe con Blu Cantrell, Baby Boy con Beyoncè. Quest’ultima collaborazione, gli ha fruttato la sfrontata gelosia del “presunto” partner della ex destiny’s child, Jay Z, che ha voluto presenziare alla registrazione del video, per garantire le dovute distanze tra i due. Ha inoltre minacciato velatamente il manager del jamaicano, per assicurarsi l’esclusività all’esibizione live, durante gli MTVAwards della donzella. Flirt, presunti o dichiarati, con persone dello show biz non sono ancora pervenuti, se non fosse che l’unica notizia “strana” sul personaggio, è un arresto annullato poi, previo pagamento dell’ingente cauzione ($ 34,00) per aver tenuto un comportamento, o meglio, un linguaggio scurrile durante un concerto.
Quindi non fa molto parlare di se Sean Paul, lascia libero sfogo alla sua musica, alla sua creatività che ha riscoperto un genere intramontabile, quanto innovativo, qual è il genere Reggae.
Un disco da ascoltare e da ballare, magari immaginando un bellissimo party in perfetto stile jamaicano..

01-02-2006 - visite: 9957

Condividi questa pagina:

Newsletter:addio CartaGiovaniProtagonisti.Benvenuta youngERcard!
di

Leggi l'articolo

Sapere e Fare 7
di redazione

Leggi l'articolo

Newsletter: Cosplay Party ad Area Giovani
di

Leggi l'articolo

Newsletter: nuovo Occhiaperti.net
di Newsletter

Leggi l'articolo

Incontri sulla Costituzione
di Comunicato Stampa

sala del Consiglio comunale a cura dei costituzionalisti Veronesi e Bergonzini Leggi l'articolo

Luci della scrittura, le parole di Stefano Tassinari
di Comunicato Stampa

tra giornalismo e narrativa Leggi l'articolo

Selezioni tirocini formativi: pubblicati i calendari
di Redazione

Leggi l'articolo

Valid CSS 2 Valid XHTML 1.0 Strict