LIVE \ Rock per LILA 2003

manifestazione musicale in supporto alla lotta contro l' AIDS

di Ilaria Battistella
home OA > Musica > Live > Rock per LILA 2003



locandina Rock per LILA 2003Davvero molte persone hanno preso parte ieri sera alla manifestazione Rock per LILA (Lega Italiana Lotta all’ AIDS) al Renfe di Ferrara, il cui ricavato sarà devoluto a questa associazione.
On stage quattro gruppi più o meno esordienti: primi ad esibirsi i Plumcake, che avevo già avuto occasione di ascoltare dal vivo. L’ impressione rimane la stessa: un rock in italiano, a due voci (maschile e femminile) abbastanza “complicato” da classificare o comunque da associare ad un unico genere, una band che però sembra non volersi mai concedere totalmente al pubblico. La voce femminile soprattutto, già tecnicamente in grado di offrire uno show meritevole di attenzione, rimane sempre accennata, quasi intimidita, quando potrebbe tranquillamente rivelarsi in tutto il suo potenziale rock. Da tenere d’ occhio…
A seguire i (ViolaSiDimena), il gruppo che a mio parere ha svolto la performance migliore. Il loro post-rock (come in tanti amano definirlo) viaggia su un binario a sé: ciò che più colpisce è l’ amore per i sottili giochi di equilibrio tra musica e poesia (originalità che li mette in luce e li distingue a livello di orizzonte emergente ferrarese), o forse l’ attenzione per l’ esibizione live, una miscela di teatralità esplosiva, rock sofferto e vissuto “per davvero”, che “balla tra stomaco e cuore”, tra aggressioni, rabbia scura e melodie delicate, frastornate, perse nella confusione del vivere. Ancora una volta la loro musica è riuscita a stregarmi: una miscela di adrenalina e soffice malinconia, che si regala ad ogni live.
Terzo gruppo in ordine di programmazione i Bankshot, quintetto garage-punk: due chitarre distortissime, ritmiche impazzite e cantato convulso. Batteria e basso costituiscono il muro del suono, duro, grezzo, in linea con la tradizione garage. Per gli amanti del genere e…del caos che ne deriva, sporco e tagliente.
Ultime ad esibirsi le Sorelle Kraus, band dalla formazione abbastanza anomala: tre ragazze agli strumenti e alla voce, unico elemento maschile alla batteria. Nuovamente un repertorio decisamente sporco ed accattivante, dalle sonorità tendenti al punk, garage ’n roll. La voce femminile forse un po’ troppo soft per il genere suonato, ma si sa, de gustibus…gli Hives probabilmente sarebbero contenti di avere delle “colleghe”!






01-02-2006 - visite: 8799

Condividi questa pagina:

Newsletter:addio CartaGiovaniProtagonisti.Benvenuta youngERcard!
di

Leggi l'articolo

Sapere e Fare 7
di redazione

Leggi l'articolo

Newsletter: Cosplay Party ad Area Giovani
di

Leggi l'articolo

Newsletter: nuovo Occhiaperti.net
di Newsletter

Leggi l'articolo

Incontri sulla Costituzione
di Comunicato Stampa

sala del Consiglio comunale a cura dei costituzionalisti Veronesi e Bergonzini Leggi l'articolo

Luci della scrittura, le parole di Stefano Tassinari
di Comunicato Stampa

tra giornalismo e narrativa Leggi l'articolo

Selezioni tirocini formativi: pubblicati i calendari
di Redazione

Leggi l'articolo

Valid CSS 2 Valid XHTML 1.0 Strict