sei in OcchiAperti.Net > Benvenuti nella nuova sezione Cinema! > Archivio Recensioni > Sinbad
Sinbad
Un pirata sfida Nemo!
Dreamworks contro Pixar
sinbadCATEGORIA: Flatline

Il pirata Sinbad viene incaricato da Eris, la dea greca del Caos, di rubare il prezioso Libro della Pace.
Si ritrova ben presto ingannato e condannato a morte. Lo salva però l'amico Proteus, che si fa arrestare al suo posto.
Ora Sinbad sa bene cosa deve fare: per salvare la vita dell'amico deve recuperare al più presto il tesoro rubato.
Purtroppo si dà il caso che non ne abbia nessuna intenzione, e parte immediatamente con tutta la ciurma per una vacanza alle isole Fiji...

Può un personaggio così scorretto non riuscire a bucare lo schermo?
Evidentemente si, visto che a Sinbad negli Stati Uniti è andata malissimo.
Lanciato per rispondere agli incassi stratosferici di Alla Ricerca di Nemo, questo colosso Dreamworks si è rivelato sin dalle prime settimane di programmazione, incapace di stare a galla.
Dando poi un' occhiata ai risultati ottenuti nel resto del mondo, appare chiaro che non si può sperare in un recupero dei costi.
Cosa è andato storto?

Diciamolo subito, in Sinbad nulla funziona come dovrebbe.
Prendiamo ad esempio i costosissimi effetti digitali, la prima cosa che salta all'occhio.
Ciò che il film guadagna in spettacolarità si disperde immediatamente, a causa della pessima integrazione con l'animazione tradizionale.
Un problema gravissimo per un film che sceglie di puntare tutto o quasi sulle scene d'azione.
Queste ultime inoltre non riescono quasi mai a coinvolgere, probabilmente perchè troppo ancorate ai codici stilistici delle pellicole d'azione "live".
Viene da chiedersi poi il perchè di un così errato studio del target.
Sinbad è un film per adulti che strizza l'occhio ai bambini. Il contrario di Alla Ricerca di Nemo.
Scelta coraggiosa, se non fosse che il risultato sono una serie di personaggi con problemi "da grandi" e cervelli piccolissimi. E le battute ne risentono...

Ciò che resta invece non è affatto pessimo.
Ma è caratterizzato da una mediocrità che non renderebbe sopportabile un solo minuto in più della brevissima durata di Sinbad(88 min.).
Quasi affascinante l'ambientazione, quasi avvincente la trama, quasi divertenti alcuni intermezzi comici.
Quasi.


testo alternativo





visite: 13342
gli ultimi contributi
le ultime della redazione cinema
documento conforme agli standard XHTMLDocumento conforme agli standard css