RECENSIONI \ Elliott Murphy, Strings Of The Storm

Il Ritorno del Grande Cantautore Americano

di Alberto Amorelli
home oa > Musica > Recensioni > Elliott Murphy, Strings Of The Storm


Strings of the storm
And from the darkness comes the light
This I promise- This I promise
So when your tears fall in the middle of the night
And you see no reason
No answer in sight
We will remember – We will remember
Ground Zero-Ground Zero



La voce esce dagli amplificatori un po’ gracchiante ma incredibilmente familiare, gli anni sono passati ma sono ancora qui ad ascoltare Elliott Murphy con il suo il nuovo doppio cd, Strings of The Storm, appena uscito fresco, fresco.
Uno strano filo rosso lega il cantautore americano e la sua band alla nostra città.Murphy negli ultimi anni ha suonato diverse volte qui a Ferrara, dapprima per Ferrara Sotto le Stelle, occasione nella quale ho conosciuto per la prima volta questo grande artista e canzoni meravigliose come Diamonds by the Yards, The Day after Valentine’s day, Fix me a Coffee, Last of the Rockstars, On Elvis Presley Birthday la grande Caught Short in the Long Run e molte altre; poi due anni fa ha suonato al Renfe con una versione ridotta della band, solo tre elementi oltre a lui, in un’atmosfera quasi intima e anticipato dalla cantautrice Cindy Bullens, che, ricordo mi colpì molto per bravura e bellezza dei testi.
Ora Elliott è tornato con tutta la sua band, compreso il bravissimo Olivier Durand, suo partner artistico da anni, l’ottimo batterista, assente nella precedente venuta di Murphy in Italia, Florent Barbier e un nuovo elemento, Thomas Schaettel al piano; gli altri membri della band sono gli “storici” Ernie Brooks al basso, Kenny Margolis sempre al piano e Danny Montgomery che si alterna a Barbier alle percussioni e alla batteria; a concludere la formazione, vi è, novità del nuovo album, il tocco femminile delicato e artistico proprio di Cindy Bullens che collabora con Elliott alla voce e alle chitarre.
E l’album? In pieno stile Mr. Elliott Murphy alterna ballads come la splendida Night Falls, La Belle Dame Sans Merci o Moan a pezzi più ritmati, folk rock come l’ouverture Green River, O Catarina non disdegnando pezzi Dilaniati come la bellissima The Poet and The Priest, cover come Bird di Neil Young e il traditional The Banks of the Ohio.Murphy e Durand Un album molto vario che esplora tutte le sfaccettature di un artista complesso e completo come Elliott Murphy. Il cantautore ci regala anche un omaggio alla nostra Ferrara con la canzone From Room 102 scritta durante il precedente soggiorno estense ed eseguita per la prima volta due anni fa al Renfe.
L’album si conclude con una bonus track profonda e meravigliosa che tratta della tragedia dell’11 Settembre, Ground Zero, cantata a due voci con Olivier Durand, che si esibisce in francese. Murphy smile
Un brano di speranza e di coraggio, che Elliott Murphy non poteva esimersi dallo scrivere e realizzare, un monito di coraggio all’insegna del non dimenticare, “from the darkness comes the light” ci rassicura il cantautore.
Il 1 Maggio Elliott sarà in concerto qui, alla Sala Estense, con la band al completo pronto a dare il meglio alternando vecchi brani storici con le nuove tracks di Strings of the Storm, regalandoci qualche ora di buona vecchia musica old style, non disdegnando bis fino all’esaurimento delle sue energie, quasi illimitate, come negli scorsi concerti.
Elliott Murphy, the last of the rockstars.




01-02-2006 - visite: 9709

Condividi questa pagina:

Newsletter:addio CartaGiovaniProtagonisti.Benvenuta youngERcard!
di

Leggi l'articolo

Sapere e Fare 7
di redazione

Leggi l'articolo

Newsletter: Cosplay Party ad Area Giovani
di

Leggi l'articolo

Newsletter: nuovo Occhiaperti.net
di Newsletter

Leggi l'articolo

Incontri sulla Costituzione
di Comunicato Stampa

sala del Consiglio comunale a cura dei costituzionalisti Veronesi e Bergonzini Leggi l'articolo

Luci della scrittura, le parole di Stefano Tassinari
di Comunicato Stampa

tra giornalismo e narrativa Leggi l'articolo

Selezioni tirocini formativi: pubblicati i calendari
di Redazione

Leggi l'articolo

Valid CSS 2 Valid XHTML 1.0 Strict