sei in OcchiAperti.Net > Benvenuti nella nuova sezione Cinema! > Archivio Recensioni > Starsky and Hutch
Starsky and Hutch
ANTEPRIMA ASSOLUTA: dal 27 Agosto nei nostri cinema!
Un film che purtroppo non vale la somma delle sue parti
StarskyandHutchCATEGORIA: Flatline

Ispirato alla famosissima serie televisiva degli anni ’70, Starsky & Hutch ha come protagonisti due agenti di polizia sotto copertura. Costretti dal capo a lavorare assieme, impiegheranno molto tempo a trovare un’ intesa. Dave Starsky (Ben Stiller) è infatti duro e rigoroso fino a risultare nevrotico, Ken "Hutch" Hutchinson (un Owen Wilson prevedibilmente a suo agio) è invece inaffidabile, pronto a stringere patti (spesso sospetti) con i criminali, e generalmente molto più “easy”.

A sorprendere in questa pellicola diretta da Todd Phillips (Road Trip) è soprattutto la cura per i dettagli che finiranno per comporre l’ambientazione. Il lavoro di ricerca è stato veramente consistente, tanto da fare di questo Starsky & Hutch un film con l’evidente intento di andare “oltre” l’omaggio al telefilm d’ispirazione, per arrivare a celebrare più aspetti possibili di un intero decennio.
Certo, costumi, trucco e situazioni comiche sono sempre in bilico fra la glorificazione e lo sfottò, ma il perfezionismo dell’operazione fa pensare ad un vero e proprio atto d’amore. In particolare per i dialoghi attendiamo al varco il doppiaggio italiano, che solo attraverso un buon lavoro di ripescaggio linguistico dello slang di quegli anni potrà rendere bene la grande varietà di espressioni “fuori moda” (“Can you dig it?”).

Chi non conosce la coppia di attori protagonisti farebbe meglio a recuperare almeno due film. Il raffinato e spiazzante I Tenenmbaum e il dementissimo, ma solo di facciata, Zoolander.
I due sono la coppia comica del momento, perfettamente affiatati, con caratterizzazioni che escono dal singolo film per accompagnarli nel successivo (in fondo, una delle virtù di una star comica), capaci anche di partecipare attivamente alla stesura delle sceneggiature.
Ma in Starsky & Hutch l’ormai consolidata coppia non esaurisce il panorama degli attori brillanti.
Il migliore è Will Ferrel, comico da noi semisconosciuto ma famosissimo negli Stati Uniti, che dopo lo strepitoso stilista Mugatu di Zoolander interpreta un informatore perverso, ovviamente intenzionato a ricevere qualcosa in cambio per le sue preziose soffiate…
Vince Vaughn è un “cattivo” che sembra realmente uscito da un vecchio telefilm, e se fa piacere rivedere Juliette Lewis, spiace trovarla in un ruolo così insignificante.
Impossibile non nominare il rapper Snoop Dogg, tutt’altro che intenzionato a sfatare il luogo comune riguardante la sua passione per l’erba.

Eppure questa volta non si tratta di un centro perfetto.
Come prevedibile il film finisce per soffrire della discrepanza fra il materiale d’ispirazione e la vocazione spesso tendente al demenziale dei due attori protagonisti. Sarebbe stato molto meglio se il film avesse fatto una scelta più radicale, andando più a fondo nel gioco nostalgico oppure concedendosi completamente alla comicità più immediata.
Così facendo, invece, ci sono troppi momenti in cui ci si trova a sorridere stancamente aspettando la una risata che tarda ad arrivare, oppure a veder disinnescata la carica comica di una gag per il poco tempo concesso alla sua preparazione.
Dei due film che avremmo potuto vedere, preferiamo quello in cui Wilson e Stiller sono lasciati liberi di fare ciò che è nelle loro corde. La seconda parte di Starsky & Hutch si avvicina a questo film molto più della prima, riportando a galla una pellicola che non sarebbe comunque stata completamente deludente.

Ora, con Starsky and Hutch, pare davvero che abbiamo chiuso i conti con il revival degli anni ’70 e siamo pronti a proseguire. Prepariamoci al peggio, e speriamo che non tornino solo i Duran Duran (e visto che a volte ritornano, forse ci sono speranze per una rinascita dell’horror puro, almeno da quanto si dice negli States).
Staremo a guardare…


testo alternativo



visite: 12690
gli ultimi contributi
le ultime della redazione cinema
documento conforme agli standard XHTMLDocumento conforme agli standard css