La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Chiaroscuro > Chiaroscuro > 4, di Roberto Aguirre-Sacasa e Steve McNiven

Dec 06 2004

Supereroi con Superproblemi

4, di Roberto Aguirre-Sacasa e Steve McNiven

di Alberto Amorelli

La nuova serie a fumetti dei Fantastici Quattro

4 coverNel 1961 Stan Lee e Jack Kirby, due maestri assoluti del fumetto, crearono The Fantastic Four, vera e propria serie madre di tutto l’universo narrativo Marvel. L’assoluta novità delle serie della Marvel era quella di presentare supereroi, meno icone e più vicini all’uomo comune, con problemi, conflitti e angosce interiori.4 Baxter Building
Insomma supereroi con superproblemi.
Altra particolarità dei Fantastici Quattro era, ed è, quella di essere, prima di un supergruppo, una famiglia; quattro amici cha a causa dell’esposizioni a radiazioni durante un volo nello spazio hanno acquisito poteri speciali: Reed Richards (Mr.Fantastic) oltre ad essere assolutamente un genio in scienze, fisica, ingegneria e meccanica (già questo potrebbe essere un super potere! Ndr) ha ottenuto il potere di allungarsi, Susan Storm Richards (La Donna Invisibile), moglie di Reed può rendersi invisibile e creare campi di forza multiuso (sempre invisibili), Johnny Storm (La Torcia Umana), fratello minore di Susan, può letteralmente infiammarsi, volare e lanciare palle di fuoco , ed infine Ben Grimm (La Cosa) con la pelle di pietra, incredibilmente forte e resistente.
4 gruppoI loro poteri sono stati sempre relativamente importanti ( a parte forse i complessi di Ben Grimm, che si ritiene un mostro), l’elemento fondamentale dei F4 è sempre stato l’essere una vera e propria famiglia (contiamo anche Franklin e la piccola Valeria i figli di Reed e Susan), abituata a vivere insieme in armonia (a parte i litigi tra Johnny e Ben) nell’avveniristico Baxter Building, un lussuoso palazzo-base delle operazioni, a Manhattan.

Sono proprio questi elementi di quotidianità a venir presi di mira nella nuova serie dedicata al Quartetto, chiamata semplicemente "4", giovane sorella editoriale della storica “The Fantastic Four” del ’64.4 Hotel
La testata inserita nella sezione impegnata della Marvel Comics (denominata Marvel Knights, di cui fanno parte anche altre serie come Daredevil, The Punisher, la meravigliosa Alias e molte altre), ha appena spento la candelina di un anno in America ed è una delle serie a fumetti che ha fatto più discutere, nel bene o nel male, di sé.
Ma cos’ha di speciale la nuova serie dei Fantastici Quattro?
Beh oserei dire, praticamente tutto!

I due misconosciuti autori,Roberto Aguirre-Sacasa, trentenne alla sua prima prova come scrittore di fumetti, proveniente direttamente dal teatro (diplomato nel maggio 2003 alla Yale School of Drama di New Haven,sue commedie come Say you love Satan, The Mystery Plays e Dark Matters) ed il bravissimo disegnatore (noto solo per le matite della serie Meridian della casa editrice Crossgen),Steve McNiven, trasformano la serie supereroistica in una specie di soap con avventure realistiche e di ampio approfondimento dei rapporti tra i personaggi.4 Susan

Il primo ciclo di storie, ha appena iniziato ad essere pubblicato qui in Italia per Panini Comics, Marvel Italia, si chiama Wolf at the Door, (Un lupo alla porta nella versione nostrana) e ha un inizio drammatico: i nostri eroi finiscono in banca rotta, a causa dei tagli del governo, pieni di debiti e sfrattati dal loro stesso palazzo, il Baxter Building.
Di fronte all’incredulità generale ed ai giornali che titolano Mica tanto fantastici, il gruppo-famiglia deve cambiare vita. Devono cercare lavoro e imparare a vivere come persone normali.
4 Ben e JohnnyLe reazione dei 4 saranno diametralmente differenti, mentre Johnny non vuole accettare il tracollo (veramente splendida l’interpretazione che ne da Aguirre-Sacasa, il più giovane del quartetto risulta spocchioso, arrogante, viziato ed infantile come non mai), e Reed si chiude in se stesso e nel suo lavoro (tanto da dimenticare di andare a prendere a scuola il figlioletto) ossessionato dal trovare una soluzione scientifica al tutto, Ben (veramente caratterizzato bene, un personaggio a tutto tondo) trova quasi subito lavoro, con umiltà e determinazione diventa operaio in un cantiere cominciando dalla gavetta e Susan dopo un po’ di incertezze ed un dialogo chiarificante con Alicia (amica di famiglia ed ex-compagna di Ben) inizia ad insegnare letteratura in una scuola.

Qualche parola in più va spesa, proprio, per la donna del quartetto.4 Reed
In queste storie, come non mai, ci si accorge di quanto sia importante la presenza di Susan nella famiglia, senza di lei tutto andrebbe al catafascio, è lei la più determinata, coraggiosa e intraprendente di tutti. Susan si occupa di trovare una nuova casa per il quartetto (una squallida stanza di un hotel), accudisce i figli,fa gli straordinari al lavoro ed è prodiga di buoni consigli per tutti. Meravigliosa, narrativamente, la sua sfuriata a Reed, nella quale Sue lo accusa di impegnarsi inutilmente nella risoluzione scientifica dei loro problemi (veramente delirante in quelle tavole la figura di Mr.Fantastic), senza guardare in faccia i veri problemi cioè come andare avanti giorno dopo giorno. Il dialogo si conclude con quattro parole veramente taglienti e pesanti: “oggi mi hai delusa” dice Susan al marito.

4 collageUn’affermazione che pesa più di mille sfuriate.
Catartiche le ultime tavole con protagonisti Johnny e Ben, con pochi dialoghi Aguirre-Sacasa rinsalda l’amicizia decennale dei due. Davvero un ottimo lavoro. Per non parlare dei splendidi disegni di McNiven, semplicemente perfetto, ricchi di atmosfera ed espressività.
La realizzazione grafica dei 4 è perfetta con un Ben incredibilmente massiccio e roccioso , un Johnny finalmente inquadrato nella sua età (25 anni) splendide le tavole in cui usa il suo potere, un Reed dimesso, con la barba di tre giorni cerebrale e sconfitto (splendida l’immagine a pagina 8,e l’ultima vignetta del numero) ed una Susan (il personaggio preferito da Aguirre-Sacasa) sempre vestita alla moda, graficamente più vicina alla sua età (solo 29, chi tra i fan lo avrebbe mai detto?), affascinante e vitale.
Un fumetto assolutamente da provare, anche per chi non ne legge mai.
4 di Aguirre-Sacasa e McNiven, sembra veramente una pièce teatrale con in scena i supereroi più umani che ci si potrebbe immaginare.
Ma ora una domanda sorge spontanea…vista la bravura degli autori, la Marvel dove teneva nascosto questo dinamico duo?



Consigli per gli acquisti: Fantastici Quattro num. 242, Panini Comics.

Scritto da: Alberto Amorelli

Data: 06-12-2004

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 8247 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli