RECENSIONI \ Kasabian: Innovazione, Ritmo e Complessità

The New British Sound

di Arianna Cantoni
home oa > Musica > Recensioni > Kasabian: Innovazione, Ritmo e Complessità


albumIl 2004 è stato un anno assai prolifico in termini di nuove band e nuove sonorità nel panorama britannico. Gruppi come Keane e Franz Ferdinand hanno ottenuto un certo riscontro anche nel nostro Paese, dove sono invece passati più inosservati i Kasabian e il loro omonimo album d’esordio. A 10 anni da uno storico debutto del British Pop – Definitely, Maybe degli Oasis – esce questo album che per certi aspetti mantiene la pura energia rock’n’roll – seppure filtrata dalle influenze degli anni ’90 - del citato lavoro della band di Manchester, ma che propone suoni più scuri, più ricercati, più elettronici - ma non meno diretti. Le influenze accreditate sono quelle di Primal Scream, The Who, DJ Shadow, Beatles, ecc. i cui album vengono ascoltati ininterrottamente nella casa che i quattro membri della band condividono.

Passa in secondo piano la chitarra solista nella sua Kasabianconnotazione tradizionale, ritorna il sintetizzatore, si rafforza la sezione ritmica – vedi canzoni come Processed Beats o L.S.F. (Lost Souls Forever) . La struttura delle canzoni è complessa: Reason Is Treason è veloce, incalzante, poi rallenta, si assottiglia a una linea di sintetizzatore e riprende con la sezione ritmica per poi tornare al chorus. Test Transmission è stranamente più aperta, ritmata ma alleggerita da diverse linee di sintetizzatore; ci sono poi intermezzi solo strumentali, come Orange e Pinch Roller .
I testi, così come la simbologia connessa al logo della band – quello della copertina – spesso suggeriscono immagini, quasi metafisiche e volutamente vaghe, di conflitto e rivoluzione, con atmosfere scure: sono frutto della mente di Sergio Pizzorno, leader carismatico della band, co-autore di musica, arrangiamenti e sintetizzatore assieme al chitarrista Christopher Karloff e talvolta anche voce solista – in alternativa a Tom Meighan; al basso c’è Chris Edwards e alla batteria si alternano musicisti al di fuori della band.

Kasabian 2Le canzoni dei Kasabian – che prendono il nome dalla complice di Charles Manson, Linda Kasabian - hanno la capacità di attirare l’orecchio per l’incisività del ritmo e dell’articolazione sonora. Sono immediate eppure complesse, energiche e scure al tempo stesso. Autorevoli riviste musicali britanniche come Uncut e NME hanno espresso il loro entusiasmo nei confronti della band di Leicester e i loro concerti sono sold out in Gran Bretagna. Vedremo come andrà il loro tour europeo – che farà tappa anche al Transilvania Live di Milano il 29 Gennaio – e soprattutto aspettiamo il fatidico secondo album.

01-02-2006 - visite: 12625

Condividi questa pagina:

Newsletter:addio CartaGiovaniProtagonisti.Benvenuta youngERcard!
di

Leggi l'articolo

Sapere e Fare 7
di redazione

Leggi l'articolo

Newsletter: Cosplay Party ad Area Giovani
di

Leggi l'articolo

Newsletter: nuovo Occhiaperti.net
di Newsletter

Leggi l'articolo

Incontri sulla Costituzione
di Comunicato Stampa

sala del Consiglio comunale a cura dei costituzionalisti Veronesi e Bergonzini Leggi l'articolo

Luci della scrittura, le parole di Stefano Tassinari
di Comunicato Stampa

tra giornalismo e narrativa Leggi l'articolo

Selezioni tirocini formativi: pubblicati i calendari
di Redazione

Leggi l'articolo

Valid CSS 2 Valid XHTML 1.0 Strict