La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Chiaroscuro > Chiaroscuro > Alias, di Brian Michael Bendis e Michael Gaydos

May 18 2005

Jessica Jones professione detective

Alias, di Brian Michael Bendis e Michael Gaydos

di Alberto Amorelli

il mondo di un ex-supereroina

Alias 1 Amico, senza offesa,ma non attraverso nemmeno il ponte di Queensboro perchè ho paura che Goblin possa farmi cadere addosso qualcuno.Quindi, non c'è proprio pericolo che venga in una giungla a coombattere dinosauri perchè hai perso il tuo gatto (Jessica a Ka-Zar il re della Terra Selvaggia)


Jessica Jones è una donna non ancora trentenne, ed è un investigatrice privata, sigaretta sempre tra le labbra, irriverente ironica e sboccata. Decisamente non la quintessenza della femminilità. Jessica ha fondato un’agenzia investigativa, la Alias; la sua specialità sono i casi che riguardano il mondo dei supereroi. Mondo che Jessica conosce perché anni prima è stata una di loro. Aveva un nome in codice, Jewel, e lottava contro il crimine.
Poi qualcosa è accaduto, qualcosa di tremendo che le ha fatto accantonare nome di battaglia e costume aderente in spandex, ma che cosa?Alias 2
Come è giusto che sia questa domanda rimane in sospeso per tutti i ventotto numeri della serie, si insinua nelle menti del lettore, ed ogni tanto la sfioriamo grazie ai flashback sul passato di supereroina di Jessica.
Fumetto particolare, maturo (non per nulla è stato quello che nel 2001 ha inaugurato la sezione MAX comics della Marvel, cioè la linea di fumetti for mature reader), dissacrante e assolutamente anti-supereroistico, per anni è stato una perla nel panorama fumettistico americano.
Lo scrittore di Alias,è il nuovo talento della Marvel Comics , Brian Michael Bendis, già scrittore di Daredevil (su Devil e Hulk in Italia), Elektra ed il successo mondiale di Ultimate Spiderman e Ultimate X-Men . La sua ultima fatica è Vendicatori Divisi, la saga che rivoluzionerà la vita del più famoso gruppo di supereroi Marvel (solo nel primo numero, ora in edicola, contiamo già la morte di due vendicatori storici).
Il disegnatore è invece spigoloso, ruvido ed essenziale Michael Gaydos, alla sua prima prova presso la Marvel.
Alias 3Dotato di un tratto particolare per nulla supereroistico, ma molto intimista, con largo utilizzo di primi piani dei vari personaggi della serie con un vero e proprio studio delle loro espressioni e dei loro sentimenti.
Gaydos può risultare un po’ ostico all’inizio, il suo stile non ha nulla a che fare con quello a cui è abituato chi legge fumetti, ma nel corso dei numeri della serie si impara ad apprezzarlo. Proprio per questo motivo a co-adiuvare Gaydos nelle scene del fumetto che sono i flashback della vita supereroistica di Jessica, è stato chiamato il veterano ed espertissimo Mark Bagley, artista da me molto amato che ha disegnato per anni Amazing Spider-Man, creatore grafico e disegnatore di tutta la serie Thunderbolts, ed ora disegnatore ufficiale inamovibile di Ultimate Spiderman ( in edicola in questi giorni i numeri 33, 34) e del primo ciclo di The Pulse ( sempre ad opera di Bendis, pubblicato mesi fa su L’Uomo Ragno).
Non si può non menzionare le meravigliose copertine degli albi disegnatela David Mack (creatore di Kabuki), un vero e proprio artista, dotato di un tratto pittorico.
E veniamo ora la vero punto di forza della serie Alias: i personaggi.
Di Jessica Jones abbiamo già parlato, donna contraddittoria, problematica e un po’ paranoica ( del tutto comprensibile, se leggerete l’ultimo numero della serie saprete anche perchè), personaggio reale, vero all’interno di un mondo fatto di super eroi e super criminali. Jessica ha i piedi per terra è assolutamente non politically correct, fuma, beve, fa sesso ad ogni occasione ed impreca in continuazione. Alias 4
Comprimario quasi fisso della serie è il super eroe di colore Luke Cage (conosciuto anche come Power Man), super forte e con la pelle super resistente. Jessica lo conosce quando capita nel bar di Luke e si ubriaca pesantemente. I due finiranno a letto insieme.
Il loro rapporto è turbolento, entrambi sono due persone difficile, facili all’arrabbiatura e spigolose. Sono veramente troppo uguali per andare d’accordo. I dialoghi tra i due sono meravigliosamente scritti da Bendis, Jessica e Luke interagiscono splendidamente, sono dialoghi veri, discussioni reali.
Alias 5C’è poi Carol Danvers, migliore amica di Jessica e supereroina membro dei Vendicatori, conosciuta come Warbird, bionda, occhi azzurri, bella ed affascinante. Carol cerca sempre di procurare appuntamenti galanti all’amica, spronandola ad uscire con altri super eroi. E’ così che Jessica conosce Scott (il super eroe Ant-man), con cui esce un paio di volte, un uomo sensibile e premuroso, il contrario di Luke Cage, quasi remissivo.
E poi ci sono tutti gli altri super eroi, che fanno capolino in alcuni numeri della serie, anche solo in poche vignette, il parterre comprende Capitan America, Devil, i Vendicatori, Jean Grey degli X-Men, Peter Parker ( cioè il nostro Uomo Ragno), Iron Fist, il tremendo editore del Bugle J. Jonah Jameson e molti altri.
La serie è stata pubblicata in Italia in 5 prestigiosi volumetti di circa centoquaranta pagine l’uno. Splendida la storia di come Jessica ha guadagnato i suoi superpoteri, una storia disegnata volutamente con gusto retrò, che si riallaccia, ed è questa la genialità di Brian Michael Bendis, alle origini di importanti personaggi Marvel come l’Uomo Ragno e Devil.
In conclusione Alias è una serie particolare, difficile, se volete; con storie che permettono di trattare in modo diverso e disincantato il mondo dei super eroi. Nonostante Jessica sia maleducata, unsexy, insicura e piena di vizi sono sicuro che conquisterà anche voi.



p.s.
Alias non ha nulla a che fare con l’omonimo serial televisivo con Jennifer Garner, mi raccomando!



Consigli per gli acquisti: Alias, collezione marvel 100%, Panini Comics, serie conclusa.


Scritto da: Alberto Amorelli

Data: 18-05-2005

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 8941 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli