La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Tecnonauta > Voice over IP. Telefonare gratis è possibile.

Oct 25 2005

Accendi le casse che ti chiamo!

Voice over IP. Telefonare gratis è possibile.

di Eugenio Ciccone

La rivoluzione silenziosa con cui presto o tardi faremo i conti.

Chi lavora molto con internet e magari trascorre ore ed ore in ufficio davanti ad un computer sicuramente sa di cosa parlo se dico "Voice over ip". Ogni giorno probabilmente recita un'orazione per ringraziare l'inventore di questa tecnologia che gli rende il lavoro più semplice e smaccatamente meno oneroso. Per quanti di voi ancora non hanno capito di cosa parlo, ecco un breve articolo che può introdurvi l'argomento in parole povere.
Mettiamo caso che Bob ed Alice, perchè nei libri o negli articoli informatici che si rispettino devono esserci per tradizione proprio loro due, vogliano parlarsi tra di loro in maniera rapida ed efficiente. Uno vive in America, l'altra in Europa. Sono al lavoro, oppure a casa propria, ma telefonare costerebbe troppo e un messaggio email non risulta appropriato per i loro scopi. Entrambi possiedono però un computer connesso alla rete di internet, meglio se con una qualunque banda larga, adsl o fibra ottica che sia. Si fa di tutto sulla rete oggi giorno, vuoi che non abbiano pensato alle chiamate vocali? Ed eccoci a noi. Bob ed Alice accendono le casse, collegano il microfono alla scheda audio del computer e parlano amabilmente per ore ed ore, sfruttando un apposito programma in maniera completamente gratuita. Fantascienza? Piuttosto, stretta attualità.
Voice over ip, abbreviato voIP è una tecnologia che rende possibile effettuare una conversazione telefonica sfruttando il protocollo IP che è alla base delle connessioni di rete, anziché passare attraverso la normale linee tradizionali. Le conversazioni VoIP non transitano necessariamente su internet, ma possono anche usare come mezzo trasmissivo una qualsiasi rete di computer, per esempio una LAN all'interno di un edificio o di un'azienda.

Il mercato è ovviamente notevolmente attratto da questa tecnologia, visto il rapido successo tra milioni di navigatori grazie alla diffusione della banda larga. Il programma più diffuso attualmente prende il nome di Skype, scritto dai creatori del popolare software di file sharing Kazaa e recentemente acquistato con un'abile operazione finanziaria da Ebay, colosso mondiale delle aste online. Compatibile con tutti i principali sistemi operativi esistenti Skype non è altro che un istant messenger per comunicare in tempo reale con i contatti della propria rubrica personale, con il valore aggiunto del servizio vocale. Una sorta di Messenger o Icq con la voce e la possibilità, non indifferente, di supportare conversazioni multiple fino a 5 persone che parlano tra loro contemporaneamente. Pensate soltanto alla comodità per una famiglia dove i componenti sono temporaneamente lontani tra loro, nel tenersi in contatto quotidianamente.
I costi, come detto, sono nulli, in quanto il traffico vocale è essenzialmente un pacchetto di dati che viaggia su internet, dunque l'onere a carico dei due interlocutori sarà esclusivamente quello della connessione, flat o a tempo che sia. La qualità è perfetta, al pari se non migliore di quella di un telefono normale, senza echi, disturbi o ritardi nella comunicazione. Il programma è inoltre disponibile anche per palmari e dispositivi portatili, il che ne fa un vero gioiello comunicativo per chi al lavoro fa largo uso del telefono e vuole vedere ridotte drasticamente le proprie bollette.

Per completezza e dovere di cronaca è da mettere in evidenza anche il recente lancio di GoogleTalk, il gioiellino voIP sviluppato dal più diffuso e capillare motore di ricerca mondiale. Più leggero di Skype in termini di memoria usata, è anche più veloce seppure più scarno: oltre la chat testuale e la chiamata vocale non offre altri servizi come il comodo trasferimento di file o le chiamate su numeri di rete fissa (a pagamento opzionale) che invece Skype, forte di un successo numerico senza precedenti, ha introdotto ormai da tempo.

Siamo ancora agli inizi, ma la sfida è lanciata. Per quanto tempo potremo sfruttare questa meravigliosa e comoda tecnologia in maniera del tutto libera da spot pubblicitari e abbonamenti a pagamento? Quanto dovrà passare prima che le authority per le comunicazioni o le aziende telefoniche mettano le loro grinfie sull'affare vendicando crolli vertiginosi nei consumi su linea tradizionale? Personalmente, ho paura che la bolla del gratuito esploderà ben presto anche in questo campo verso qualcosa di "sponsored" o a pagamento, come anni fa è stato per il boom dell'internet gratuito in Italia, ormai ingestibile ed abbandonato da tutti verso linee veloci con abbonamento.

P.S. Se volete fare quattro chiacchiere per provare Skype mi potete aggiungere ai vostri contatti. Il mio è: eugenioc

Scritto da: Eugenio Ciccone

Data: 25-10-2005

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 21329 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli