RECENSIONI \ The Earlies - These Were The Earlies

Cosa ci siamo persi nel 2004…

di Arianna Cantoni
home oa > Musica > Recensioni > The Earlies - These Were The Earlies


cover“Two texans plus two mancunians equals the best debut album of 2004” UNCUT

Come già era successo coi Magic Numbers, troviamo che il mix UK e USA sia musicalmente assai produttivo.

Questa volta si tratta degli Earlies, che uniscono l’Inghilterra del Nord, più precisamente Manchester, e il Texas - britannici Christian Madden e Giles Hatton, americani Brandon Carr e J.M. Lapham – con il loro album d’esordio These Were The Earlies.

Lo spettacolo comincia con In The Beginning, che contiene una schiarita di voce, un “one-two-three”, uccellini, cori, risate e chi più ne ha, più ne metta: quasi una dichiarazione d’intenti, volontaria o meno, che colloca la band assai vicino al filone della vecchia e nuova psichedelia.

earliesAtmosfere sognanti, voci soffici ma anche voci dissonanti, parlate – molto floydiane, se vogliamo azzardare similitudini. Gli Earlies si divertono a creare materia sonora, non solo melodia, ma costrutti che aprono finestre nella mente dell’ascoltatore. Il tutto sembra, allo stesso tempo, molto ricercato eppure molto “casalingo”, intimo, in un certo senso, non appesantito dal lavoro di produzione. Fiati e archi si intrecciano naturalmente con gli strumenti più propri del pop-rock: One Of Us Is Dead, Wayward Song, Slow Man’s Dream sono solo alcuni esempi.

Potremmo scomodare altri paragoni, come i Mercury Rev e i Flaming Lips, e sottolineare come il background musicale comune a tutti i membri della band comprenda The Band, i Beach Boys, i Byrds e i The Beatles.
Potremmo dirvi molto di più, per ciascuna delle 11 canzoni dell’album, ma secondo noi questo è uno di quegli album che acquistano ancora più valore se ascoltati senza avere troppe aspettative: a noi, quantomeno, è successo così. Un nome, una parola, suscitano la curiosità dell’ascolto. These Were The Earlies merita tutta la vostra curiosità.

Saranno in concerto in Italia:

1 Marzo – Torino – Spazio 211
2 Marzo – Bologna – Il Covo
3 Marzo – Azzano S.Paolo (BG) – Zero Music Club


16-02-2006 - visite: 9074

Condividi questa pagina:

Newsletter:addio CartaGiovaniProtagonisti.Benvenuta youngERcard!
di

Leggi l'articolo

Sapere e Fare 7
di redazione

Leggi l'articolo

Newsletter: Cosplay Party ad Area Giovani
di

Leggi l'articolo

Newsletter: nuovo Occhiaperti.net
di Newsletter

Leggi l'articolo

Incontri sulla Costituzione
di Comunicato Stampa

sala del Consiglio comunale a cura dei costituzionalisti Veronesi e Bergonzini Leggi l'articolo

Luci della scrittura, le parole di Stefano Tassinari
di Comunicato Stampa

tra giornalismo e narrativa Leggi l'articolo

Selezioni tirocini formativi: pubblicati i calendari
di Redazione

Leggi l'articolo

Valid CSS 2 Valid XHTML 1.0 Strict