RECENSIONI \ The Eminem Show

quando i bianchi sono incazzati neri

di Junkie
home oa > Musica > Recensioni > The Eminem Show

testo alternativo
E' uscito a fine Maggio, The Eminem Show, il terzo Lp ufficiale di Marshall Bruce Mathers III, che tutti conoscono come Eminem.

Già da un pò di tempo, il singolo "Without me", veniva trasmesso da tutte le radio. Ovviamente la clean version. Per quella dirty, senza censure...si può scaricare da internet. E ancora una volta è salito di corsa ai primi posti delle classifiche di tutto il mondo.

Vanta per alcuni pezzi, la produzione di Dr.Dre, sommo vate del rap americano.

L'argomentazione dei suoi testi, non si discosta di molto dal gossip che gli si è creato attorno.

Ha volutodovuto mettere la sua vita privata, in mano allo starsystem. Molti giornalisti, e molte persone che in passato gli erano vicine, hanno scavato nel suo profondo, cercando in un qualche modo di ostentare quasta follia nata sul suo personaggio.

Eminem è nato a Detroit, ha vissuto con difficoltà fino ai suoi primi successi. Non è stato un ragazzetto bianco, cresciuto a Beverly Hills e uscito dal college, con la convinzione di saper rappare.

Ha vissuto come gli altri Mc di colore, mettendo la sua realtà nelle sue canzoni.

E anche in questi nuovi pezzi, si può notare come alcune vicende, non le abbia sapute dimenticare.

In White America, sfoga la sua rabbia, contro quello che è successo l'11 Settebre scorso. Contro quei benpensanti, che hanno cercato di boicottare il suo concerto di Boston, città puritana e al buio verso la musica rap. Parla anche della fortuna che ha avuto ad attirare l'attenzione di Dre: la prima persona che ha creduto in lui.

In Business, si paragona a Batman e Dre a Robin. Due paladini della vera musica, contro quelli che vogliono il loro rap finito.

Altra vita vissuta, sentita e risentita mille volte, si ritrova in Cleanin'My Closet Out. E' una canzone scritta con il cuore. Un cuore incazzato come pochi, capace di dire cattiverie atroci, sicuramente dettate da solo lui sa cosa. Si chiede come la madre abbia potuto comportarsi in quel modo (tutti sanno come). E pensa a sua figlia Hailie, all'amore totale che prova per lei, si dice incapace di un comportamento simile. "...i hope u fucking burn in hell 4 this shit" Conclude dicendo "...spero che tu brucerai all'inferno per questa merda". C'è già chi dice che la mamma è sempre la mamma. Si aspettano nuove polemiche.

In Soldier, si proclama soldato, ricordando quando è stato arrestato per aver minacciato con un'arma, l'amante di sua moglie Debbie. Deve combattere, combattere sempre contro tutto e tutti.

Tutto questo successo, questa ossessione eccessiva nei suoi confronti, gli sta stretta. Say Goodbye Hollywood, credendo che nessuno piangerà quando lui morirà, che nessuno ricorderà le sue canzoni. Che la sua fama, è la sua prigione, e non può far niente per cambiare le cose.

La canzone più simpatica rimane My Dad's Gone Crazy, dove anche sua figlia dice qualche battuta, e ride guardando quello che combina suo padre davanti ai suoi occhi.


Infondo Eminem è anche questo. O forse è soprattutto questo. Un padre che ama sua figlia sopra ogni cosa. E' un'artista. Racconta la sua vita in rime, in doppi sensi, in metafore che solo chi conosce il suo personaggio può capire.

Ha una padronanza delle rime come pochi altri. Crudo certo, ma nessuno è obbligato ad ascoltarlo.

Vari le collaborazioni, con i "suoi" D12(dirty dozen)in When The Music Stops, e con Nate Dogg in 'Till I Collapse.

Nel complesso un ottimo lavoro, se non migliore, allo stesso livello degli altri.


http://www.eminem.com/




01-02-2006 - visite: 10532

Condividi questa pagina:

Newsletter:addio CartaGiovaniProtagonisti.Benvenuta youngERcard!
di

Leggi l'articolo

Sapere e Fare 7
di redazione

Leggi l'articolo

Newsletter: Cosplay Party ad Area Giovani
di

Leggi l'articolo

Newsletter: nuovo Occhiaperti.net
di Newsletter

Leggi l'articolo

Incontri sulla Costituzione
di Comunicato Stampa

sala del Consiglio comunale a cura dei costituzionalisti Veronesi e Bergonzini Leggi l'articolo

Luci della scrittura, le parole di Stefano Tassinari
di Comunicato Stampa

tra giornalismo e narrativa Leggi l'articolo

Selezioni tirocini formativi: pubblicati i calendari
di Redazione

Leggi l'articolo

Valid CSS 2 Valid XHTML 1.0 Strict