RECENSIONI \ Kasabian - Empire

Imperdibile secondo album della band di Leicester

di Arianna Cantoni
home oa > Musica > Recensioni > Kasabian - Empire

coverAspettavamo con ansia questo album, perché il precedente – e primo per la band – ci era piaciuto moltissimo ( Kasabian, 2004) “Empire” è uscito in Italia il 15 di Settembre. E ha già lasciato il segno.

L’organico è il medesimo: autore dei brani (musica & parole) è Sergio Pizzorno, affiancato dal cantante Tom Meighan, dal chitarrista Christopher Karloff e dal bassista Chris Edwards.

“Kasabian” ed “Empire” sono assai diversi, eppure molto simili. Dove il primo era cupo, quasi crepuscolare, il secondo è più arioso, quasi solare. Talvolta sembra psichedelica, ma coi piedi per terra – che parrebbe un controsenso, ma che nella realtà dei fatti, nei brani di questo album, è azzeccato. Ci sono melodie e cori vagamente “eight miles high” (ascoltate, ad esempio, Sun Rise Light Flies, Last Trip (In Flight) e Me Plus One, con chitarra acustica, tamburelli e un riff di archi) ma sempre zavorrati – e lo diciamo in senso assai positivo – da un’energica ed incalzante sezione ritmica, e da un’aria sinistra che ammanta molti brani, in modo intrigante.


bandEmpire e Shoot The Runner sono canzoni piene, ritmate, variegate. Un’apertura d’impatto per un album che dischiude alle orecchie dell’ascoltatore una fucina di suoni ricercati eppure diretti .
Come spiegare, altrimenti, la compresenza di brani così diversi come Stuntman - con intro di sintetizzatore e batteria martellante – British Legion - una ballata voce e chitarra che pare finita lì per caso – e Apnoea - elettronica, metallica, scattante?
Il brano forse meno interessante è Seek And Destroy, che coi suoi 2.15 minuti potrebbe quasi essere considerato un intermezzo.
La conclusione dell’album è affidata a Doberman, nel cui amalgama di suoni – ormai possiamo dire “tipico” dei Kasabian - si staglia anche un assolo di tromba.


band b/nLe liriche – altra costante della band – non risultano di immediata comprensione (quantomeno a chi scrive): a chi si staranno rivolgendo, ad esempio, quando dicono “forza, venite con me, da entrambe le parti” (Come on by my side/Come on, both sides in By My Side) ?

Potrete paragonarli a chi vorrete, o trovare somiglianze con questa o quella band britannica – d’altra parte, chi non è influenzato dall’ambiente e dalla cultura musicale nella quale è nato e cresciuto ? – ma a nostro avviso, i Kasabian sono uno dei migliori gruppi in circolazione.

Hanno realizzato un grande album d’esordio, ma, soprattutto, lo hanno fatto seguire da un secondo disco che – invece di imitare il primo – punta più in alto, verso altri suoni e nuove sperimentazioni.




Sito ufficiale: www.kasabian.co.uk


23-02-2011 - visite: 9558

Condividi questa pagina:

Newsletter:addio CartaGiovaniProtagonisti.Benvenuta youngERcard!
di

Leggi l'articolo

Sapere e Fare 7
di redazione

Leggi l'articolo

Newsletter: Cosplay Party ad Area Giovani
di

Leggi l'articolo

Newsletter: nuovo Occhiaperti.net
di Newsletter

Leggi l'articolo

Incontri sulla Costituzione
di Comunicato Stampa

sala del Consiglio comunale a cura dei costituzionalisti Veronesi e Bergonzini Leggi l'articolo

Luci della scrittura, le parole di Stefano Tassinari
di Comunicato Stampa

tra giornalismo e narrativa Leggi l'articolo

Selezioni tirocini formativi: pubblicati i calendari
di Redazione

Leggi l'articolo

Valid CSS 2 Valid XHTML 1.0 Strict