La speranza un sogno ad occhi aperti

Aristotele

Nov 21 2006

Sotto i cieli di Bologna

di matteo musacci

Jack Frusciante uscito dal gruppo, Enrico Brizzi, 1994

“Presto sarebbe volato via pure quello stupido febbraio e il vecchio Alex si sentiva profondamente infelice ma in modo distaccato, come se la sua vita appartenesse – sensazione fin troppo tipica e cruda ne convengo – a qualcun altro. Ma non ghignate, per favore, poiché all’epoca il vecchio Alex non aveva ancora compiuto i diciott’anni e in quei giorni il cielo di Bologna era espressivo come un blocco di ghisa sorda e da simili espressività non avreste potuto aspettarvi niente d’esaltante, neppure uno di quei bei temporaloni definitivi che lavano le strade e da quasi due settimane la città giaceva tramortita sotto una pioggia esangue senza nome"

brizziÈ universalmente riconosciuto uno dei capisaldi della letteratura per adolescenti e, più in generale, uno dei romanzi più interessanti della letteratura degli anni ’90, scaturito dalla penna di un liceale, di un ventenne che si è trovato a concorrere al Premio Campiello del 1995, accanto agli autorevoli Maggiani e Del Giudice, in abiti del tutto anti-cerimoniali (vedi foto). Quell’anno il Campiello nominalmente non lo vinse, però il pubblico e la critica non facevano altro che discuterne, e le ristampe furono molteplici. Era lui il vincitore morale.

Naturalmente è di Enrico Brizzi che sto parlando, del suo romanzo d’esordio, pubblicato dalla piccola casa editrice Transeuropa (poi Baldini & Castoldi) nel 1994, Jack Frusciante è uscito dal gruppo. Un titolo che nulla o quasi nulla ha a che fare con le vicende del romanzo; tende più che altro a designare un tempo narrativo, quello in cui il musicista rock Frusciante abbandonò i Red Hot Chili Peppers.

Forse per la sua freschezza, forse per la sua storia semplice e “vera”, il vecchio Alex che si innamora della bellissima Adelaide (Aidi), la loro storia d’amore quasi platonica, le paturnie del Cancelliere (il padre) e la Mutter, gli amici del liceo, le corse in bicicletta lungo le vie di Bologna e i colli in un contesto socio-politico per nulla secondario, e descritto senza faziosità; forse per la sua ricerca linguistica (ovvero, “scrivo come parlo”), il romanzo del giovane Brizzi in poco tempo fece il giro del mondo. E, tuttora, è uno dei libri più letti e più venduti, letto e studiato persino nelle scuole. Con il brutto vizio, però, di fare i soliti esercizi grammaticali, sintattici e vari, che prima o poi, ti fanno odiare il romanzo…

libroÈ una persona molto vicina ad Alex, quella che racconta (come afferma lo stesso autore), ma è lo stesso Alex che, con il suo archivio magnetico, ci racconta le sue preoccupazioni, legate soprattutto ad Aidi e a Martino, due persone che segneranno la vita del giovane, come nei migliori romanzi di formazione.  

Un romanzo che deve la sua stesura a ispiratori quali Andrea Pazienza, Pier Vittorio Tondelli (i dedicatari), ma anche Salinger, i Clash, gli stessi Red Hot, i Sex Pistols. Un romanzo scritto ascoltando e ascoltandosi.

Viene da pensare al fenomeno commerciale (attenzione, non letterario!) degli ultimi anni, quello di Federico Moccia, Tre metri sopra il cielo, che ha riscosso un gran successo tra gli adolescenti, a distanza di dieci anni da Jack Frusciante. Viene da pensare a quanto sia abissale la differenza tra questi due romanzi: anche se forse il linguaggio dei giovani è cambiato, se sono nati gli acronimi in stile sms, credo che il romanzo di Brizzi, ancora oggi, possa “aiutare” gli adolescenti a capirsi meglio, perché è questo uno degli scopi che la letteratura si deve porre: osservare e descrivere la società.
E Brizzi, con questo romanzo, ci è riuscito benissimo.



Scritto da: matteo musacci

Data: 21-11-2006

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 6182 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli