La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Chiaroscuro > E' arrivata la zia > La rinascita

Nov 05 2007

La rinascita

di debora peca

storia di un cerchio

Ho appena accompagnato mia nipote all’aeroporto e mi chiedo ancora se questo viaggio lungo un anno che ha deciso di intraprendere sarà davvero un balsamo benefico per la sua anima stropicciata e dolorante.
Accanto a me è posato il libro che le ha “cambiato la vita” e che l’ha convinta a tentare questa esperienza di rinascita; mi auguro di cuore che ritrovi se stessa e il gusto di ridere in quel modo contagioso e bellissimo che sento ancora nelle orecchie.
Un libro può davvero cambiare la vita, spingerci ad agire e reagire quanto il consiglio di un amico o di una sorella? Pare di sì visto che dopo aver letto “Mangia,prega,ama di Elisabeth Gilbert ha deciso di partire, volare via per un intero anno. Ha lasciato il lavoro, gli amici e la famiglia per ripartire da zero. C’è da dire che il romanzo di viaggio o di avventura ha sempre suscitato la curiosità del lettore e in alcuni casi, il fascino di luoghi, sapori e odori è stato tanto forte da risvegliare in lui l’urgenza di partire. E’ successo per esempio con “On the road” e più di recente con il “Codice da Vinci.”
Quello che mi sembra un po’ diverso con mia nipote è che il suo viaggio non è semplicemente una curiosità da lettore ma una sorta di medicina alternativa per guarire la malinconia. Vedremo…
Aprirò fremente la posta elettronica per sapere se ha scritto, mi ha illustrato minuziosamente il percorso e idealmente lo seguirò con una linea rossa sulla cartina del globo! Che matte le ragazze d’oggi! Ho letto anch’io questo bel libro che ha dimenticato sulla mia macchina e davvero mi ha stupito, incoraggiato, trasportato in tre stadi dello spirito che ognuno di noi dovrebbe riesplorare: il piacere, la preghiera zen e l’amore.
Elisabeth,la protagonista, piangente e prostrata da un matrimonio che non vuole più e da un divorzio devastante decide di partire e trascorrere quattro mesi in Italia,quattro mesi in India e quattro in Indonesia. In Italia scopre una nuova lingua e si abbandona al piacere del cibo ( ingrassa 12 chili!), In india impara la meditazione e la preghiera, che la purificano nel corpo e nell’anima e in Indonesia guarisce e rinasce. Meraviglioso! Se dovessi descrivere questo libro con una forma, penserei ad un cerchio: dapprima scuro e nebuloso,poi più chiaro, fino a divenire luminoso e dai contorni “ripuliti” da ogni dolore.



Scritto da: debora peca

Data: 05-11-2007

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 5510 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli