La speranza Ŕ un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Vento in faccia > Vedo Doppio, segnalazioni a due ruote

Jan 30 2009

Vedo Doppio, segnalazioni a due ruote

di Fabio Zecchi

Secondo appuntamento con Vento in faccia, la rubrica sulla Bicicletta

Vento in faccia - La rubrica di Occhiaperti sulla bici

Quando si esce per fare una sana pedalata in giro, capita di cambiare improvvisamente strada, deviare dal percorso prestabilito per imboccare quel sentierino di campagna in terra battuta, oppure prendere un'altra strada senza neanche essere sicuri su dove mai potr´┐Ż portarci. Sterzare il manubrio, cambiare direzione, ´┐Ż molto pi´┐Ż facile e immediato in bicicletta. Vento in faccia non pu´┐Ż che adeguarsi a questa imprevedibilit´┐Ż, inserendo nel suo cammino momenti di apparente divagazione. Segnalazioni, storie, curiosit´┐Ż: ci sono tanti modi diversi per vedere il mondo a due ruote.



***



Iniziamo da una storia assurda sia per la dinamica, sia per lo scenario tragico di una guerra, che assurda lo ´┐Ż per sua stessa natura. Giovanni Fontana ´┐Ż un ragazzo impegnato in un campo profughi vicino a Betlemme, nella Palestina martoriata dallo scontro con Israele. Nei suoi giorni liberi ne approffitta per andare a Gerusalemme, in sella alla sua bici. Per farlo, per´┐Ż, deve superare il check-point al confine. Se pensate che una innocua bicicletta non possa dare problemi, leggete l'incredibile fine che ha dovuto subire la bicicletta di Giovanni, simbolo involontario dell'assurdit´┐Ż della guerra e di militari un po' troppo "zelanti".


Leggi la storia della bicicletta di Giovanni.


***


Si parla tanto di sicurezza stradale, ma sappiamo bene quanto i tempi d'intervento della Macchina Pubblica non siano necessariamente "tempestivi". E cos´┐Ż, mentre si attendono nuove e agognate piste ciclabili, i ciclisti devono ingegnarsi da soli per scovare nuovi metodi per non essere investiti. Un gruppo di designer dello studio di Altitude, a Boston, ha applicato il principio del fai-da-te alla sicurezza stradale, escogitando un particolare fanale per le nostre biciclette:


La pista ciclabile fai-da-te


La pista ciclabile viene proiettata direttamente sull'asfalto grazie al particolare fanale posteriore, facendola magicamente apparire anche laddove l'intervento pubblico non ´┐Ż ancora arrivato. In questo modo il ciclista riesce a segnalare la sua presenza in maniera pi´┐Ż incisiva per gli automobilisti, e la sua pedalata notturna forse risulta pi´┐Ż rilassante.


Guarda la pista ciclabile fai-da-te.


***


Chiudiamo con due segnalazioni artistiche. La bici sa essere elemento grafico mordente, sviluppando la creativit´┐Ż dei cosidetti Creativi:
Taliah Lempert dipinge biciclette, per se e anche per commissione, nel caso avete voglia di dare un nuovo tocco al vostro velocipede.
Lo studio inglese I Love Dust, invece, ha prodotto una serie di illustrazioni originali per il sito Click for Art, in cui la bici diventa elemento pop.

Scritto da: Fabio Zecchi

Data: 30-01-2009

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 22273 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli