La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Notizie > Chopin, Schumann e Balakirev

Apr 15 2010

Sabato 17 aprile, ore 17 – Ridotto del Teatro

Chopin, Schumann e Balakirev

di Comunicato stampa

tre anniversari per Rina Cellini e Dario Favretti.


CONCERTI NEL RIDOTTO 2009-2010

Rina Cellini e Dario Favretti suonano sabato 17 aprile alle 17 al Ridotto del Teatro tre composizioni di Chopin e Schumann in occasione del bicentenario della loro nascita.

Le Variazioni su un’aria di Moore scritte da Chopin a quindici anni in brillantissimo stile Rococò, sono l’unica pagina in programma nata per pianoforte a quattro mani. In realtà di anglosassone c’è ben poco. All’irlandese Thomas Moore si deve semplicemente l’antologia di melodie che conteneva il tema, l’italianissimo Carnevale di Venezia reso popolare da Paganini con le sue Variazioni op. 10.

Molto più insoliti saranno gli altri due brani in esecuzione. Il Concerto per pianoforte e orchestra op. 54 di Robert Schumann, trascritto per pianoforte a quattro mani da Otto Singer, pianista e direttore d’orchestra di Dresda, allievo di Liszt e Wagner, è uno di quei magnifici adattamenti che ci riporta alla consuetudine ottocentesca della Hausmusik. Un mondo senza possibilità di riproduzione tecnica del suono, dove l’unico modo di riascoltare l’Opera o un’orchestra era di immaginarla, evocata dal pianoforte.

La Chopin Suite di Mily Balakirev, di cui cade quest’anno il centenario della morte, presenterà una personale antologia di quattro composizioni che il russo adattò per orchestra nel 1910 in occasione del primo centenario chopiniano, pochi mesi prima di morire, come contributo alla raccolta fondi per l’erezione di un monumento commemorativo a Chopin: il Sesto Studio op. 10, una Mazurka, un Valzer e il Terzo Scherzo. In un gioco di rimandi un po’ tortuoso ma convincente negli esiti, la versione per pianoforte a quattro mani di Chopin Suite fu curata dal compositore-pianista russo Liapunov a partire dalla versione per orchestra, che rispetto a quella originale per pianoforte cambia la tonalità dello Scherzo e dello Studio, aggiungendo a quest’ultimo due misure di introduzione.

Biglietteria dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 a inizio concerto.





Scritto da: Comunicato stampa

Data: 15-04-2010

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 7071 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli