La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Musica > Live > Data Zero

Sep 20 2010

Data Zero

di Edoardo Gandini

La musica indipendente passa prima per Ferrara

Mercoledì mattina 15 settembre, nella Sala degli Arazzi del Palazzo Municipale di Ferrara, si è tenuta un'interessante presentazione alla stampa del prossimo, innovativo, evento musicale che toccherà il territorio ferrarese, esplorando ambienti ancora troppo lontani culturalmente dalla scena indipendente alternativa italiana.

Sfruttando gli ottimi rapporti tra il festival, le agenzie di booking e gli stessi artisti, Ferrara Sotto le Stelle ha deciso di sperimentare per la prima volta nuove modalità nella sua già ricca offerta di eventi esclusivi.
L'idea è quella di presentare, in anteprima nazionale e ripetute con cadenza mensile, le prime esecuzioni live dei dischi in uscita dei principali artisti indipendente della scena italiana, discostandosi però dai canoni della presentazione standard, offrendo uno spettacolo unico che non verrà ripetuto in nessun altro luogo nella medesima forma.
"Data Zero", questo è il nome del programma, vede come promotori Ferrara Sotto le Stelle, Arci, Fondazione Teatro Comunale e Comune di Ferrara. La scelta del nome, ci spiegherà in seguito Roberto Roversi, è dovuta al fatto che "quello cui andremo ad assistere non sarà la prima data del tour dell'artista, ma qualcosa che lo precede di alcuni mesi, in maniera unica e in contenitori generalmente non utilizzati per questo tipo di rappresentazioni, che serviranno per godere al meglio lo spettacolo".

Partendo dal grande successo ottenuto quest'estate dalla Tempesta Sotto le Stelle, che ha definito "senza esagerare, un appuntamento fondamentale per la storia della musica indipendente", il vicesindaco Massimo Maisto ha voluto sottolineare l'importanza di lavorare sulla qualità della cultura e dello sforzo che il Comune sta affrontando per fare in modo che venga fatta una diffusione ancora maggiore della musica a livello regionale.
"Ferrara - continua Maisto - è una città matura per vivere non solo di eventi pubblici, ma per manifestazioni virtuose come Data Zero, che tra l'altro non ha nessun costo all' Amministrazion".
Sull'argomento si è esposto anche il direttore artistico di Ferrara Sotto le Stelle, Roberto Roversi, che ha spiegato come la nascita di questo progetto sia arrivata dall'idea di unire il grande successo della Tempesta Sotto le Stelle con l'uscita imminente di tre importanti lavori discografici indipendenti italiani.
"L'obiettivo - continua Roversi - è quello di diventare un importante polo culturale, un contenitore di eventi esclusivi in cui la gente deve venire a cercarci. Per questo ho chiesto ai nostri artisti di regalarci qualcosa di inedito". Sul sito di Ferrara Sotto le Stelle, infatti, sarà possibile ascoltare in streaming due brani dei Massimo Volume e un racconto inedito di Vasco Brondi.
Data Zero sarà, quindi, composto inizialmente da tre "episodi" a distanza di un mese l'uno dall'altro.

Uochi Toki, gruppo Elettro-Hip Hop che Ferrara ha già avuto il piacere di ospitare sul palco di Ferrara Sotto le Stelle 2010 nell'ambito della giornata in collaborazione con La Tempesta, hanno aperto le danze presentando la loro ultima fatica discografica "Cuore Amore Errore Disintegrazione" (La Tempesta dischi, 2010) presso il Circolo Arci Zuni nella serata di domenica 12 settembre, registrando tra l'altro un'ottima affluenza di pubblico e regalando la possibilità di acquistare il disco ben cinque giorni prima della data di rilascio ufficiale.

Il 31 ottobre, poi, sarà la volta dei Massimo Volume, storica band indipendente italiana, che nella cornice della Sala Estense in Piazza Municipale si esibirà eseguendo i brani contenuti nel loro ultimo disco, "Cattive abitudini", il primo dalla reunion della band ad oggi.
La stessa sera, ci anticipa il chitarrista Stefano Pilia, al Circolo Arci Zuni si terrà la presentazione della prima bibliografia ufficiale del gruppo, "Tutto qui – La storia dei Massimo Volume", alla quale parteciperanno la band e l'autore, Andrea Pomini.

L'ultimo dei tre eventi in programma, vedrà il ferrarese Vasco Brondi, aka Le Luci dell Centrale Elettrica, esibirsi l'11 novembre al Teatro Comunale di Ferrara.
Dopo il pluripremiato disco d'esordio, "Canzoni da spiaggia deturpata", l'artista ferrarese sarà chiamato al difficile compito di non deludere le grandi aspettative legate al suo nuovo lavoro, ancora senza titolo, in uscita nei negozi il 12 novembre ma acquistabile, in anteprima, dopo l'esibizione della sera prima.
Vasco si è detto molto felice di presentare il suo nuovo disco proprio nella città in cui è nato e cresciuto, spiegando anche il suo strano rapporto con Ferrara, vista come una città immaginaria: "presentare il disco a Ferrara è stata una scelta poco legata alle logiche di marketing, ma abbiamo ritenuto fondamentale portare le persone nella realtà dalla quale hanno preso forma".
L'artista ferrarese poi regala una piccola anticipazione su quella che sarà la formula della sua esibizione: "qualcosa di vecchio, i nuovi brani e qualcosa di studiato apposta per l'occasione con la formazione il più possibile fedele a quella che ha lavorato alla realizzazione del disco".
"La scelta del Teatro Comunale - continua Vasco - è stata davvero interessante, sperando che sia un buon motivo per avvicinare i giovani a luoghi come questi".

Ed è proprio sull' importanza della scoperta degli spazi del Comunale che ha preso parola il presidente della Fondazione Teatro Comunale, Fabio Mangolini, esprimendo il desiderio che il teatro venga concepito come uno spazio dove non si assimila solo cultura ma la si sviluppa anche, a differenza di quanto accade oggi nel nostro paese.

L'assessore Maisto, infine, chiude l'incontro con una battuta che autodefinisce demagogica, ma sulla quale sarebbe bene interrogarsi seriamente: "Eventi come Sanremo stanno riscontrando un calo degli ascolti perchè c'è un mondo musicale giovanile, come quello che frequenta Ferrara Sotto le Stelle che racconta di giovani che si informano, leggono e si interessano alla cultura. Sarebbe bene ascoltare questa corrente e sono orgoglioso di affermare che la nostra città stia dando questo tipo di segnale".

Per informazioni dettagliate sull'acquisto dei biglietti consiglio vivamente di visionare il sito www.ferrarasottolestelle.it.


Scritto da: Edoardo Gandini

Data: 20-09-2010

Condividi questa pagina:

Visite: 21129 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli