La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Notizie > Sasha Waltz & Guests - Travelogue I

Oct 13 2010

Sasha Waltz & Guests - Travelogue I

di Redazione

La coreografa tedesca torna a Ferrara e inaugura il Festival di Danza Contemporanea

Sasha Waltz inaugura il Festival di Danza Contemporanea di Ferrara. Venerdì 15 ottobre alle 21 andrà in scena Travelogue I – Twenty to Eight, spettacolo del 1993 che decretò il successo internazionale della compagnia Sasha Waltz & Guests. Per Ferrara questa proposta ha un valore aggiunto.

Proprio qui, e proprio con Travelogue I – dove era impegnata anche come danzatrice – la Waltz venne per la prima volta in Italia nel 1996. Ripresentare oggi questo lavoro è un modo per rilevare sia la continuità del livello artistico della coreografa berlinese, sia la coerenza che contraddistingue la programmazione del festival di danza di Ferrara, che per primo ha fatto conoscere in Italia alcuni dei maggiori talenti del teatrodanza internazionale: oltre a Sasha Waltz, anche Wim Vandekeybus, per esempio.

Ancora oggi, ricreato per un nuovo gruppo di danzatori, Travelogue I - Twenty to eight conferma la freschezza del debutto nel raccontare rituali di vita domestica con il loro inevitabile carico di nevrosi, e consente di mettere in luce quella personalissima rilettura in chiave giocosa o dissacrante del Tanztheater che è uno dei caratteri salienti del linguaggio coreografico della Waltz.
Come ha scritto lei stessa, "il punto di inizio di Travelogue è la cucina. In questo luogo si incontrano cinque persone. La cucina funziona come uno specchio nel quale si possono osservare rituali, abitudini e comportamenti così come sono nella realtà". Gli oggetti della vita quotidiana – un frigo, un telefono, un letto — diventano improvvisamente poetici, i gesti fatti meccanicamente, talvolta perfino in modo ossessivo, sono dissezionati, esagerati, e assumono infine tutt'altra dimensione. Il suo linguaggio è espressivo, emozionante, perfino sensuale, ma mantiene il proprio aspetto astratto. I cliché e gli stereotipi, messi in scena con humour irresistibile e graffiante, presentano personaggi imprigionati all'interno della loro struttura sociale, nelle loro vite, ma così toccanti e commoventi. Ognuno di loro rivela una parte di sé.

Sasha Waltz è uno dei maggiori talenti della danza contemporanea europea. Lontana dai modi e dalle mode dominanti di fare danza, è caratterizzata da un personalissimo immaginario coreografico.
Nata nel 1963 a Karlsruhe, ha iniziato a studiare con Waltraud Kornhaus, e si è perfezionata alla School of New Dance Development di Amsterdam. Si è in seguito trasferita negli Stati Uniti, dove ha accumulato esperienze diverse aprendosi a collaborazioni con artisti delle varie discipline, con una modalità di lavoro che ha mantenuto nel tempo.
Negli anni più recenti si è interessata all'opera lirica: nel 2005 ha firmato regia e coreografia di Dido & Aeneas di Purcell, in Italia presentata solo a Ferrara. Il successo dell'operazione l'ha portata nel 2007 a presentare altre due nuove coreografie che univano musica e teatro: Medea sull’opera Medeamaterial di Pascal Dusapin, testo di Heiner Müller, e Roméo et Juliette di Berlioz, per il Ballet de l’Opéra National de Paris. Da allora il lavoro della Waltz si è concentrato su eventi site-specific, come la recente inaugurazione del Maxxi, il Museo di arte contemporanea di Roma, e sul recupero delle sue coreografie anni Novanta, teso alla valorizzazione del proprio repertorio.



Prezzi da 8 a 30 euro.
Info: 0532 202675 - www.teatrocomunaleferrara.it



Scritto da: Redazione

Data: 13-10-2010

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 7592 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli