sei in OcchiAperti.Net > Benvenuti nella nuova sezione Cinema! > Recensioni > Habemus Papam
Habemus Papam
Non un film sul Papa, ma sull'uomo che deve diventarlo.
L'ultima pellicola di Moretti, a cinque anni da Il Caimano

Un film di Nanni Moretti; con Michel Piccoli, Jerzy Stuhr, Renato Scarpa, Franco Graziosi, Camillo Milli, Roberto Nobile, Nanni Moretti, Margherita Buy. Commedia. Durata 104 min. Paese: Italia, Francia 2011. 01 Distribution. Uscita venerdì 15 aprile 2011.
Habemus Papam1
Il film si apre con il Conclave a Roma per l’elezione del nuovo Papa, dopo una lunga votazione viene nominato il cardinale Melville (Michel Piccoli) il quale inizialmente accetta il mandato, ma quando arriva il momento di presentarsi alla folla di piazza San Pietro, fugge in preda ad una crisi nervosa. Per aiutare il futuro Papa viene chiamato il miglior psicanalista di Roma (Nanni Moretti), tentativo che si rivelerà inutile. Melville esce dal Vaticano per incontrare la moglie dello psicanalista (Margherita Buy), anche lei psicologa, e a partire da questo momento inizierà le ricerca di se stesso tra le vie di Roma.

La mia intenzione - ha detto il regista - era quella di raccontare un personaggio fragile che si sente inadeguato di fronte al potere e al ruolo che deve ricoprire. Il tutto però all’interno di una commedia. E volevo raccontare anche altri personaggi, il mio per esempio, e altre situazioni come quella del teatro”. Habemus Papam è un film sulla fragilità umana, sulla solitudine. Moretti analizza l’uomo, non la figura del Papa, colui che non si sente in grado di ricoprire il ruolo che gli è stato assegnato; quello compiuto dal cardinale Melville è un atto di umiltà, e non di superbia. In parallelo viene affrontato il mondo del teatro (in particolare Čechov), mantenendo la costante della maschera e del recitare un ruolo per ritrovare se stessi. Il film si apre con la suggestiva e solenne processione dei cardinali che si ritirano nel Conclave per la votazione, ma poi il regista decide subito di mostrare la vera natura di questi personaggi: sono persone anziane, deboli, incapaci di affrontare le novità e che si sentono sicuri solo tra le mura del Vaticano tra le loro medicine e i vari riti. Ben presto però lo psicanalista Moretti riesce a trascinare tutti i cardinali in un divertentissimo torneo di pallavolo, facendo emergere il loro lato infantile.
Habemus Papam2
Tra le scene più coinvolgenti e drammatiche vi è l’entrata nella platea del teatro di suore, cardinali e guardie svizzere, quasi come se fossero attori pronti ad interagire con i colleghi sul palco, giunti invece lì per porre fine alla fuga di Melville e riportarlo davanti alla scelta più importante della sua vita. Michel Piccoli offre un’interpretazione impeccabile e molto emozionante, così come Moretti risulta perfetto per il personaggio che si è ritagliato. La figura della psicologa interpretata da Margherita Buy invece non viene valorizzata come meriterebbe l’unico personaggio femminile di un certo rilievo: è lei infatti la sola che riesce ad avere un vero contatto spirituale con Melville. Il Vaticano non ha concesso nessuno dei suoi spazi in cui ambientare le location del film, le riprese si sono svolte tra Palazzo Farnese, l'ambasciata francese, l’Accademia di Francia a Villa Medici, e la fedelissima ricostruzione della Cappella Sistina a Cinecittà. La colonna sonora, a parte Todo cambia della cantante argentina Mercedes Sosa, è stata realizzata dal compositore Franco Piersanti che da anni collabora con Nanni Moretti (per le musiche del Caimano ha vinto anche un David di Donatello). Il film rappresenterà l’Italia al prossimo Festival di Cannes.


Silvia Galeotti
visite: 11432

Condividi questa pagina:



>> torna alla home di OA
le ultime della redazione cinema
documento conforme agli standard XHTMLDocumento conforme agli standard css