La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Notizie > Urbanica Festival - Il resoconto

Jun 06 2011

Urbanica Festival - Il resoconto

di Giulia Cabianca

La danza fa irruzione nella quotidianità ferrarese


Urbanica1
What is danza? Come in una nascita primordiale, Ferrara sabato ha aperto gli occhi emozionandosi in istanti d'arte. In biblioteca Ariostea alle 10 si è aperto l'Urbanica Festival con due affascinanti performance di danza. Nel giardino interno si sono potuti ammirare i movimenti sinuosi di Elisa Mucchi e ascoltare il canto mantrico di Elisabetta Bianca ne "La corteccia Fragile degli Alberi". "In questa occasione cerco di catturare l'essenza di ciò che pre-cede il movimento e percepisco che si tratta di un movimento tanto ricco, quanto svuotato, inafferrabile e infinito" ci dice Elisa. E chi ha avuto la fortuna di assistere a ciò che è accaduto sotto quell'albero secolare non ha ammirato una semplice concatenazione di movimenti ma ha percepito anch'egli qualcosa di inafferrabile ed inconscio ed ha involontariamente partecipato ad una memoria collettiva, complici i canti popolari spagnoli e la dolce voce di Elisabetta.

Altrettanto profonda l'esibizione di Juri Roverato: "Sogno Creativo". La performance si è rivelata, nel vero senso della parola, magica. Ha avuto la forza di scatenare come il primo tassello del domino la domanda primigenia dell'esistenza, quella alla quale sono indissolubilmente collegate tutte le domande della vita. "Come posso trasformare ogni tassello separato in una parte del mosaico?" si chiede Juri. "Prendere spunto da tradizioni completamente diverse tra loro permette di dare a tutti molteplici chiavi di lettura, senza escludere nessuno".

Irriverenti ed esplosivi gli orsi di Urban Suite, la performance di Elisa Dal Corso tenutasi durante il pomeriggio di sabato nel Centro Commerciale "Il Castello". Lei: sensuale e sfacciata. Loro: Valentina De Biasi e Diego Poletti alias orsi ballerini a ritmo di "I'm so ecxited" (Le tigre) e di "Unstoppable" (SantiGold) hanno danzato, lanciato coriandoli, si sono baciati e hanno litigato, hanno bloccato i carrelli per il loro atterraggio d'emergenza dentro lo shopping center ferrarese. Ribelli, hanno fatto irruzione nella quotidianità. L'inerzia della gente si è spezzata. Sono sicura sia nato un appetito incontenibile, insoddisfabile da un gelato da passeggio o da uno snack. L'istinto tribale della danza, presente in ognuno di noi costantemente, anche tra l'appuntamento dal parrucchiere e la spesa al supermercato, ha scosso grandi e piccini. E' rimasto invisibile ma è accaduto. Irreparabile.

Compresso da fasce stringenti corre il rischio di rimanere dissociato, come liberare, quindi, l'Umano Corpo? Stefano Massarenti e Agnese Cristofori interpretano il loro "Umano Corpo" al Centro Commerciale "Il Castello". La performance si insinua silenziosa nella quotidianità di un sabato pomeriggio cittadino ed è tassello essenziale all'interno dell'Urbanica Festival. I carrelli della performance si confondono con quelli della gente, il confine tra interpretazione scenica e vita quotidiana è labile.

I movimenti di Agnese, liberano dalle fasce di elastico nero Stefano. Lo liberano pezzo per pezzo, ma ogni parte del corpo si dissocia dal resto rischiando di perdere i punti di riferimento. La danza dei due artisti però si spinge a fare del movimento un gesto che colora, riunendo l'Io. Nell'allestimento due tele bianche vengono dipinte, ogni parte del corpo pian piano compare fino a far apparire e rinascere un essere unico. A completare il percorso dell'Umano Corpo, Stefano ed Agnese con i loro passi di tango hanno espresso al meglio la fusione tra corpo ed anima, tra due anime spurie oramai dall'abitudinario, liberate poi dissociate, riunite e infine rinate. La danza, ripetutasi nel corso del pomeriggio, ha suscitato interesse e curiosità tra fruitori dello shopping center ferrarese e commercianti, rinnovati da un vento d'arte che sabato è passato anche nel loro luogo di lavoro.

Urbanica Festival è osservazione e curiosità. Urbanica è riflessione sulle potenzialità del mezzo artistico nel sostenere una trasformazione sociale.


Scritto da: Giulia Cabianca

Data: 06-06-2011

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 10218 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli