La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Notizie > Poetry Street - poesia visiva nei non luoghi

Sep 04 2011

L'appuntamento a Migliarino

Poetry Street - poesia visiva nei non luoghi

di Giulia Cabianca

Cinque poeti, cinque writers e una danzatrice.

"Artisti e painter saranno chiamati ad interpretarsi a colpi d’ispirazione e di talento, performance, poesia, slam, disegno e tag saranno il mezzo volto visivo della poesia, e la poesia sarà il volto evanescente dell’impronta personale con la quale l’artista deciderà di marcare la parete.
We slam ma anche paint, tag, shout, whisper, drawn... therefore we are
"

Michela Malisardi



Amaducci
Poesia e Street Painting possono incontrarsi? Certo che sì, e l'occasione nasce dall'incontro di tre realtà che si associano: cinquantacinquesima edizione del Premio d'Arte Basilio Cascella, l'associazione Urbanica e il Collettivo TM15.

Per parlare di questo triplice incontro fortunato abbiamo intervistato Alessandro Passerini, curatore artistico della Rassegna d'Arte in cui si inserisce l'evento.

Dire qualcosa nel campo artistico è importante. Ricordo un frase di Man Ray: "Di sicuro, ci sarà sempre chi guarderà solo la tecnica e si chiederà "come", mentre gli altri di natura più curiosa si chiederanno "perchè"?" Quindi perchè in questo caso unire poesia e Street Painting?
"Giusto, l'opera è 'espressione' creativa, se non hai nulla da dire rimane artigianato. La rassegna non ha incluso l'arte fine a se stessa. Questo fine settimana a Migliarino si concretizza un'idea nata dall'intersecarsi di tre linee: Urbanica, che difende come location per l'arte spazi diversi rispetto ai luoghi convenzionali e alle gallerie, Collettivo TM15 che si pone contro la prassi dell'arte come prodotto inseribile in un mercato e la Rassegna. Ci siamo chiesti come unire questi progetti per amplificarne la voce e grazie all'idea di Monica Seksich, pittrice e poetessa, è nato 'Poetry Street' cui mi sono fatto promotore. Progetto che appositamente non si svolge in una grande città ma a Migliarino, in un piccolo comune di Ferrara".

Come porsi contro l'Arte come prodotto di mercato? In questo periodo quasi ogni settore soffre del nepotismo di una casta, in particolare quella politica. Spesso si spinge l'amico in cambio di favori a loro volta consistenti nell'aiutare un altro amico, a scapito di chi vale veramente. Anche nei Premi d'Arte c'è il rischio di infiltrazioni autoritarie? Qual'è l'antidoto efficace?
"Il rischio c'è sempre e negli anni l'arte ha sofferto un impoverimento, è stata maneggiata come un involucro vuoto, un prodotto da buttare sul mercato e a maggior ragione desiderato dalla 'casta'. Da poco però c'è un cambio direzionale. I tagli alla cultura hanno spinto la nuova generazione a difendere il valore delle arti. Il Premio d'Arte Basilio Cascella ha superato il mezzo secolo da poco ed è stato rinnovato. Ora non si svolge più solo allo scopo di premiare pochi ma anche per quello di offrire visibilità ad artisti provenienti da tutt'Italia cui si riconosce la professionalità e l'onestà".

Poetry Stree Dunque si può dire che l'arte si sta purificando e sta rinascendo con le nuove generazioni?
"Sì, l'arte giovane sta tornando ad essere la più espressiva. I giovani trovano le idee che mancano. Fino a poco tempo fa si viveva un momento abbastanza statico. L'Arte che la Rassegna accoglie ora comprende moltissimi under30. Luca Zarattini ha ventisei anni, Tea Falco ad esempio ventiquattro. Anche tra i curatori e i critici l'età si è abbassata e ciò non comporta minor professionalità, anzi, maggior voglia di esprimersi artisticamente, di lavorare professionalmente e di giudicare spurii dalle vecchie ragnatele".

In cosa consiste il Poetry Street?
"Abbiamo scelto cinque poeti, Dario Morgante, Monica Seksich, Viorel Boldis, Anna Pinto e Francesco Deiana e cinque graffitari e li abbiamo abbinati secondo la loro compatibilità. Il poeta esprime un messaggio che tramite il murales si amplifica visivamente e si concretizza. Anche la danza interviene appropriandosi tridimensionalmente dello spazio, con una performance di Elisa Mucchi".

Tra i graffittari c'è Mr. Wany , uno dei pochi graffitari riconosciuti nel mondo dell'arte.
"Non solo lui, anche Andrea Amaducci, Mirko Dadich e Sabort meritano menzione. Ne apprezziamo la modestia e la continua ricerca artistica. E' molto importante anche accettare le critiche, e loro riescono a farlo. Le critiche ti aiutano a crescere e a migliorare ma soprattutto ad esprimere ciò che si ha da dire nel modo migliore".

Ho notato un tasso di appartenenza ferrarese alto, Ferrara aiuta a crescere artisticamente?
"Non proprio. Anzi. Molte persone che sentono di avere qualcosa da dire tramite l'arte si lamentano che a Ferrara c'è poco. Si potrebbe dire che aiuta nel senso che spinge a vivere ricerche personali altrove e di conseguenza contribuisce a conoscere nuove realtà. Poi dopo aver raccolto esperienze fuori, gli artisti le restituiscono gratuitamente e volentieri ai luoghi natii".

Beh, allora non resta che seguire gli appuntamenti della rassegna. Tanto lavoro ancora?
"Certo! E per fortuna! Devo ammettere che spesso per risolvere problemi tecnici o per organizzare, dormire e mangiare a volte passano in secondo piano ma lo si fa volentieri!".

Certo di sola arte non si vive ma sicuramente ci rende più saporita la vita. No? L'appuntamento che Occhiaperti vi segnala dunque, si svolge sabato 3 e domenica 4 settembre presso il Centro Polifunzionale di Migliarino (Fe) in via Giacomo Matteotti, 11.



Per saperne di più:
http://www.premiocascella.it/
http://www.urbanicafestival.com/
http://collettivotm15.wordpress.com/

Scritto da: Giulia Cabianca

Data: 04-09-2011

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 7770 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli