La speranza un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Un Fiume di Musica > RECENSIONE E INTERVISTE > EFFETTO TRIO "ANGELI"

Oct 10 2012

EFFETTO TRIO "ANGELI"

di Fulvio Gandini, Silvia Zaniboni

Un disco di sensazioni...


Molti dei cd da noi recensiti finora, sono stati definiti “da ascoltare tutti di un fiato”.


Non è il caso di “Angeli” il quale, invece, è da apprezzare respirando, magari rilassandosi dopo una lunga giornata di lavoro per calarsi appieno nell’ambiente evocato dalle sue sonorità.


“Angeli” è il secondo album prodotto dalla formazione acustica ferrarese Effetto trio composta da Roberto Poltronieri alla chiatarra acustica, Gianguido Bruno, alla chitarra classica, e Massimo Granata al contrabbasso e basso elettrico.


Diversi sono stati i musicisti ospiti che hanno accompagnato in questo viaggio musicale i tre musicisti, unitisi sia per il piacere di suonare insieme, che per il nobile intento di questo impegno discografico: l’intero ricavato dalle vendite verrà devoluto al CIAI per il progetto “Street To School” (“Dalla strada alla Scuola”).


L’obiettivo di tale progetto è di combattere il fenomeno dei bambini di strada, spesso sfruttati e maltrattati, dando loro la possibilità di ricevere un' educazione scolastica presso il centro diurno situato nel villaggio di Andong, in Cambogia.


 


Il cd si apre con le note del brano “4 Note sulla Neve”suonate dal clarino di Federico Benedetti.  Lo swing prosegue leggero e delicato, la chitarra acustica fa il suo ingresso e Benedetti prosegue con il sax alto, per poi lasciare spazio ad un assolo di chitarra. Il pezzo, piuttosto lungo, introduce perfettamente alle sonorità di questo disco acustico.


A seguire le piacevoli melodie di “Betty”: in questa canzone è il binomio flauto-chitarra acustica a dominare la scena. L’ospite in questo caso è C. Berlenghi.


Segue la title track del cd, “Angeli”, semplice e avvolgente: la chitarra classica passa da una situazione solista ad un accompagnamento ricco di swing; importante è anche la parte ritmica eseguita dal contrabbasso. Il ritornello esprime tutta la sua potenza nella sua semplicità.


L’album prosegue con “Sebastiano”, variazione swingata del noto tema di Bach “Bourrè”.  “Maggio Al Cinema Rosebud”, vede al pianoforte  A. Talmelli che ci  propone un tema di spensierata malinconia.


È questa la forza della musica proposta: la capacità di trasmettere sensazioni ed immagini in assenza di testo e con una relativa semplicità di arrangiamento.


Ciò non implica che il lavoro degli strumentisti sia semplice: per essere in grado di creare armonie incisive con pochi esecutori, bisogna essere in grado di sfruttare tutte le potenzialità, che le caratteristiche specifiche dello strumento sono in grado di offrire. In particolare, colpisce l’accuratissimo studio sulle dinamiche che impreziosiscono tutte le dodici tracce.


“Per Voi Due”, brano probabilmente dedicato ad una felice coppia di amici, è caratterizzato da divertenti cambi di ritmo. Il contrabbasso, nella prima parte del brano, viene suonato con il supporto dell’archetto per poi tornare ad un’esecuzione a mano libera in un’esplosione di festoso swing.


Si apre così, la seconda metà dell'album, con“Anna Magdalena”,  brano che ci regala un minuto e 56 secondi di ritmi allegri ed incalzanti.


L’atmosfera diviene più intima e sospirata in “Il Cielo Sul Petrolchimico”, il cui tema di flauto è eseguito con delicatezza dalle note di Ambra Bianchi, in un gradevole duetto con la chitarra di Roberto Poltronieri.


Protagonista della nona traccia, intitolata“The Wind”, è il pianoforte che conduce le danze sin dall’inizio, prendendoci per mano e portandoci lontano, in un viaggio fra le nuvole dei nostri pensieri e dei nostri ricordi. 



Lo swing ritorna prepotentemente in “Solo Caffè… Grazie”, di soli due secondi più lunga di “Anna Magdalena”, mentre la più tranquilla “Una Ballata Per Gli Amici”, descrive il piacere di stare insieme alle persone che per noi più contano e con cui condividere gli istanti più belli della nostra vita. In questi ultimi due brani, vediamo all’opera la sola formazione degli Effetto Trio.


Il cd si conclude con l' eterea e malinconica “Nuvole Blues”, il cui tema, nasce dal sax di Stefania Bindini e si muove su un ritmo andante. Il pezzo è la conclusione più che adeguata di un album di altissimo livello.


La potenza evocativa di questi brani ci suggerisce paesaggi mitici, quasi come un dipinto impressionista. Uno swing sempre differente, che rapisce e non annoia, è la conferma del valore tecnico - espressivo e dell'inventiva dei musicisti.


Angeli è un cd, da ascoltare da soli per rilassarsi e ricaricarsi, oppure da condividere durante un'itima serata tra amici.


Un album da procurarsi assolutamente, sia per il suo magnetismo musicale, sia per sostenere il progetto “Street To School” che offre un’educazione ed un reale sostegno economico ai quattrocento bambini ospiti della struttura sita nel villaggio di Andong in Cambogia.


 


 




Scritto da: Fulvio Gandini, Silvia Zaniboni

Data: 10-10-2012

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 3754 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli