La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Un Fiume di Musica > RECENSIONE E INTERVISTE > BRUNO CORTICELLI: BIOGRAFIA

Nov 07 2012

BRUNO CORTICELLI: BIOGRAFIA

di Filippo Dallamagnana e Silvia Zaniboni

Una figura storica dell’ambiente ferrarese


Bruno Corticelli nasce a Ferrara il 27 Agosto 1956 e nel corso della sua carriera prende parte a diversi progetti musicali fra i più vari: da The Bluesmen a Vasco Rossi, da Roberto “Freak” Antoni (lead vocalist gli Skiantos) a Paolo Conte.
Dopo aver ottenuto il diploma di teoria e solfeggio nel nostrano conservatorio “G. Frescobaldi” e aver frequentato i primi quattro anni, inizia le prime esperienze professionali, accompagnando in tournée cantanti di musica leggera come Cherubino e Cherubini, The Tombstones ed altri…
Ottiene un importante ingaggio con Claudio Lolli, e seguono, nel corso degli anni ’80, una serie di collaborazioni di rilievo con il già citato Leader degli Skiantos e l’ancora poco conosciuto Vasco Rossi, con cui inciderà “Colpa d’Alfredo”. Da non dimenticare la partecipazione al tour teatrale di Paolo Conte “Un Gelato al Limon” facendo diverse serate anche al teatro Ariston di Sanremo.

Alla fine degli anni ‘80 partecipa attivamente alla fondazione della scuola di musica moderna AMF.
Suona il basso nel gruppo The Fax e di seguito nei The Bluesmen sempre con Roberto Formignani alla chitarra, Lele Barbieri alla batteria e con l’aggiunta dell’armonicista Antonio D’Adamo. In questa formazione inciderà “Intrepido Blues”, album seguito da svariate critiche positive, ed altri dischi. Assieme a questi ultimi è sicuramente di grande rilevanza la collaborazione con Dirk Hamilton, grande cantautore californiano che ha visto negli anni ‘80 l’apice della sua carriera.
Il gruppo suonerà in apertura a grandi musicisti tra cui ricordiamo Hiram Bullock, Scott Handerson e Maceo Parker alle edizioni ‘97/’98/’99 di “Ferrara Sotto le Stelle”.
Nel frattempo continua a collaborare con diversi artisti come l'armonicista Andy J. Forest e Giorgio Cavalli “M.R. Blue” e con il gruppo “Kalenda Do Sol” di Flavio Piscopo, Teo Ciavarella ed Antonio Marangolo.
Attualmente è all’attivo un progetto di formazione unplugged che spazia all’interno del blues e le sue diramazioni. La band è formata da Bruno Corticelli (bassista e ideatore del progetto), Federico Pellegrini (voce e armonica), Fabrizio Sauro (voce, chitarra acustica e slide) e Marco “Jolly” Galavotti (drum set).

Sul sito web di Bruno Corticelli, si possono trovare divertenti racconti di piccoli aneddoti riguardanti le sue esperienze musicali e di vita. Ve ne diamo un piccolo assaggio:
“Dopo un breve periodo di nozioni impartitemi da Luca, bassista dei “ROLL 70”, cercammo di mettere su una band anche noi, il “TNT GROUP”. Il repertorio era costituito da canzoni di complessi“beat” famosi all’epoca e per un paio di anni riuscimmo a proporci a livello amatoriale vivendo stupende avventure: eravamo in inverno a Pieve Pelago, località turistica dell’appennino modenese e aprimmo il concerto al famoso gruppo dei POOH in una tipica discoteca montana in legno. A fine serata nel tornare verso casa alle tre di mattina, appena fuori dal paese si ruppe il furgone, così decidemmo di rimanere io e Daniele, gli altri sarebbero tornati in macchina con il padre di Graziano che fortunatamente ci seguiva quasi sempre.
(…) Entrammo in un bar per fare colazione e bere qualcosa di caldo. Tutti ci guardavano incuriositi per via dei capelli lunghi e del vestiario un tantino leggero e appariscente. Non sapevamo come trascorrere il tempo, quindi giocammo a biliardo e a carte e con alto spirito di sacrificio continuavamo ad ordinare un pasticcino e un punch, un panino e una birra, così per un interminabile tempo… uscimmo dal bar verso le 15 del pomeriggio in uno stato ”allegretto andante”, avendo speso (compresa la riparazione del mezzo meccanico) quasi tutto di quella miseria di cachet che avevamo guadagnato! Ci consolava però il fatto che nonostante le vicissitudini e le avversità stavamo tornando a casa dai nostri amici che ci avrebbero accolto con... una valanga di insolenze!”


Scritto da: Filippo Dallamagnana e Silvia Zaniboni

Data: 07-11-2012

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 3768 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli