La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Notizie > STEFANO SCHEDA:300MILA MONETINE PER L'EMILIA

Jan 23 2013

STEFANO SCHEDA:300MILA MONETINE PER L'EMILIA

di Comunicato stampa

progetto curatoriale dedicato al terremoto in Emilia ospitato nello stand di ArteFiera.



Le abbiamo contate: saranno 300mila le monetine da 1 centesimo che l’artista Stefano Scheda spargerà ad ArteFiera.
L’installazione avrà luogo nello stand della MLB Maria Livia Brunelli home gallery, che ospiterà un progetto curatoriale sul tema del terremoto in Emilia durante la prestigiosa fiera d’arte che ha luogo a Bologna da domani al 28 gennaio. La MLB è stata selezionata tra centinaia di altre gallerie giovani che hanno fatto domanda, ma solo una quindicina di loro sono state accettate.


Le opera che esporrà la Brunelli stanno già facendo parlare (sono usciti in questi giorni articoli sul Sole 24 Ore e sul Corriere della Sera), perchè la scelta della gallerista è stata quella di realizzare uno stand con opera legate a un unico tema di riflessione, il terremoto in Emilia.

Anche la casa-galleria di Corso Ercole d’Este è infatti stata colpita dal sisma: tuttora è possibile vedere l’intervento artistico realizzato in una parete dall’artista che esponeva in quel periodo, una serie di rami germogliati che escono dalle fessure provocate dal sisma nel muro. In fiera ci sarà quindi, come simbolo della Ferrara terremotata, la foto di questa installazione, opera di Stefano Scheda, artista bolognese, ma lo stesso artista ha pensato a qualcosa di ancora più forte: tutto lo stand della galleria sarà intermente ricoperto da monetine di un centesimo, addirittura 300 mila (prestate dalla Banca di Romagna).

Una metafora del fatto che i fondi stanziati faticano ad arrivare a destinazione, e anche della esiguità del risarcimento rispetto all’enormità dei danni subiti. Ma le monetine evocano anche le migliaia di cocci ancora a terra.

Di grande impatto anche le sculture di Stefano Bombardieri, lo stesso artista che aveva realizzato in città le installazioni urbane di The Faunal Countdown, dal rinoceronte sospeso alla Rotanda Foschini fino alla tigre esposta dietro il sagrato del Duomo. Chi passerà vicino al tavolo esposto e apparecchiato dall’artista sentirà improvvisamente tintinnare piatti, bicchieri e posate, come a evocare le vibrazioni del sottosuolo. Un’altra opera dello stesso artista è composta da quattro tabelle optometriche che si rifanno come forme e dimensioni alle classiche tabelle utilizzate per la misurazione della vista, che però, accostate tra di loro, compongono la parola “HELP”: la ripetizione delle quattro lettere (H E L P) trasforma così la parola in urlo, come fosse una richiesta d’aiuto lanciata dal nostro territorio devastato.

Ketty Tagliatti espone per la prima volta in fiera un’opera che è stata apprezzatissima in occasione della sua personale in galleria, una camelia realizzata con una tecnica stupefacente per un'opera così grande (circa 3x3m): ogni petalo è formato da migliaia di spilli che, sapientemente affiancati e direzionati, creano le morbide volute tipiche di questo fiore. La fitta trama di spilli lucenti è stata tessuta con maniacale pazienza, e ha richiesto all’artista oltre sei mesi di lavoro. Un lavoro lento e meticoloso come sarà il processo di ricostruzione delle nostre bellissime terre colpite dal sisma, che implica un impegno quotidiano, come quello che l’artista ha dedicato per la realizzazione di quest’opera.

Il giovane Marcello Carrà, noto per i suoi disegni a penna biro di grande formato, rivisita invece tre capolavori di Pieter Bruegel il Vecchio immaginando gli stessi spazi, festosamente affollati nelle opere del pittore fiammingo, in uno stato di abbandono e “inagibilità” dovuto al sisma. L’artista ha arricchito le opere con grande abilità tramite l’inserimento degli inevitabili danneggiamenti che il terremoto provoca sul paesaggio e sugli edifici, soprattutto se di carattere storico. Una metafora delle sofferenze che anche l’arte patisce a seguito di queste drammatiche calamità naturali.

Scritto da: Comunicato stampa

Data: 23-01-2013

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 5672 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli