La speranza è un sogno ad occhi aperti

Aristotele
Dove sei: OcchiAperti.Net > Un Fiume di Musica > RECENSIONE E INTERVISTE > VICINI PIACEVOLMENTE RUMOROSI

Jun 29 2013

VICINI PIACEVOLMENTE RUMOROSI

di Licia Barbieri

Intervista ai Noisy Neighbours


Una di queste sere di fine primavera, ho incontrato Giorgio Malaguti chitarra ritmica ed acustica e Michele Malagù bassista dei Noisy Neighbours, che hanno realizzato il loro primo lavoro Tales of Love & Indecision composto da sette brani totalmente inediti.
Giorgio e Michele ci racconteranno il loro progetto e come è nato.



Com'è nato il progetto Noisy Neighbours?

Il gruppo è nato dall'evoluzione degli Effetto Alcolico. Nel tempo, durante questa esperienza, la formazione del gruppo si è modificata diverse volte, fino ad arrivare a quella attuale e definitiva. Il progetto è nato verso Gennaio di quest'anno al Patchanka abbiamo dovuto sostituire un gruppo all'ultimo momento, così, scherzando con un'altra delle band ci siamo auto definiti i loro “vicini rumorosi”, da qui è nato il nome Noisy Neighbours.


C'è un genere in particolare nel quale vi ritrovate?

Veniamo tutti da realtà ed influenze musicali piuttosto differenti e questo ci ha portato a non avere un genere vero e proprio, l'unica cosa, è che abbiamo cercato di fare di riff ritmici il nostro tratto distintivo e personale.



Avete degli artisti o dei gruppi ai quali vi ispirate?

Come già detto, ognuno di noi ha riferimenti musicali e personali diversi dagli altri, si passa dalla Dave Matthews Band ai Mars Volta. In questo modo chiunque può portare il proprio contributo personale, anche se ci sono alcune passioni che abbiamo in comune come quella per i Led Zeppelin


Come nascono i vostri brani?

Solitamente partiamo da un giro di accordi oppure da un riff suonato con la chitarra acustica, poi ci si focalizza sul testo, oppure su una parte particolarmente importante di esso e cerchiamo di trovare il mood dell'intero brano. Su quelle atmosfere costruiamo il suono più adatto. Le parti strumentali, infatti, nascono dall'input e dal contributo personale di ognuno di noi, così si passa dall'acustico all'elettrico, che può diventare distorto ed incazzato, come per esempio Satan. Dipende da che cosa ci viene in mente! È un lavoro di tutti, se anche un solo componente venisse cambiato, ne risentirebbe l'intero lavoro e potrebbe nascere una cosa totalmente differente.


Dei testi, invece, chi si occupa principalmente?

I testi, generalmente, vengono scritti da Silvia la nostra cantante oppure da Giorgio il chitarrista ritmico.



La copertina dell'album che origine ha?

La copertina è stata disegnata da Silvia, aveva fatto altri quattro bozzetti precedentemente, ma abbiamo optato per questa, ovvero nove ragazze identiche che però presentano una piccola diversità rappresentata dal colore, un po' come i brani all'interno dell'album. A lavori ultimati ci ha vagamente ricordato la copertina di The Piper at the Gates of Dawn, il primo album del Pink Floyd. Senza essere presuntuosi ovviamente!



C'è una canzone a cui siete particolarmente affezionati?

In realtà non ce n'è una in particolare... Siamo affezionati a tutte! Sia Admiral Hosier's Ghost, che ha un testo articolato e curato, ricco di termini specifici marinareschi, sia Bitch e Tempest che sono abbastanza simili, incentrate sulla chitarra acustica e senza un ritornello. Siamo particolarmente orgogliosi anche di Lonely Beer , brano che era nato per puro nostro divertimento ed ora risulta essere la più ascoltata sul sito, un successo inaspettato. Con Satan ci siamo divertiti, visto il titolo del brano, ad inserire un messaggio al contrario, un assolo anch'esso in reverse e persino una parte del riff. A Rosie siamo particolarmente legati, è nata totalmente da un'idea di noi due. È stata una piccola sperimentazione: abbiamo rielaborato una classica work song, che ha preso vita durante un'improvvisazione col basso in sala prove, alla quale abbiamo aggiunto il riff e la sezione ritmica, se ascoltate bene c'è anche un assolo di basso nascosto. Ogni volta che la sentiamo quasi ci commuoviamo!


Tales of Love & Indecision sembra un titolo molto poetico, racchiude un messaggio particolare oppure no?

Non c'è un messaggio preciso nel titolo, semplicemente riassume i temi delle sette tracce dedicate appunto all'amore ed all'indecisione, elementi che nella vita si incrociano ed influenzano la maggior parte delle volte.
In realtà tutto il disco non ha messaggio specifico, avevamo solo l'intento di divertirci e ritagliarci il nostro piccolo spazietto all'interno del panorama musicale, cercando di fare le cose il meglio possibile sia a livello ritmico che melodico, provando ad essere il meno scontati possibile, rimanendo concentrati ed avendo la cognizione di ciò che si stava facendo con la speranza che venga apprezzato. Per il momento cerchiamo di diffonderlo il più possibile anche attraverso il Creative Commons, ovvero diritti non riservati che permettono la diffusione dei brani non a scopo di lucro.



I Noisy Neighbours sono:
Silvia Gilli – Lead Vocals
Marco Rocchi – Lead Guitar
Giorgio Malaguti – Rhythm & Acoustic Guitars & Backing Vocals
Michele Malagù – Bass & Backing Vocals
Giona Uccelli – Drums



Per ora ringraziamo Giorgio e Michele, ma voi continuate a seguirli su Myspace http://www.occhiaperti.net e sulla pagina Facebook http://www.occhiaperti.net

Il nuovo album Tales of Love & Indecision lo potete ascoltare a questo link http://www.occhiaperti.net

Scritto da: Licia Barbieri

Data: 29-06-2013

Condividi questa pagina:

Articoli correlati

Visite: 4638 - crediti - redattori

Login

Comune di Ferrara
Assessorato alle Politiche per i Giovani
Reg. n. 05/2004 Tribunale di Ferrara

Mi sono fatto da solo. Credo di aver avuto per maestri i miei occhi.

Michelangelo Antonioni

Powered with CMS Priscilla by ^____^ - XHTML/CSS Design by petraplatz

feed RSS Succede in Giro

feed RSS Ultimi Articoli